Rifiuti abbandonati, 35 Guardie Ecoloche sorveglieranno il territorio e puniranno i 'furbetti'

Multe in arrivo per chi abbandona il sacco dei rifiuti sotto casa o lo getta in una discarica abusiva. Infatti, si moltiplicano da oggi le forze in campo per contrastare “l’abusivismo” nei rifiuti

Multe in arrivo per chi abbandona il sacco dei rifiuti sotto casa o lo getta in una discarica abusiva. Infatti, si moltiplicano da oggi le forze in campo per contrastare “l’abusivismo” nei rifiuti: le Guardie Ecologiche Lega Ambiente (GELA) e le Guardie Ecologiche Volontarie (GEV) affiancheranno il nucleo dei vigili ambientali per prevenire e reprimere la gestione scorretta dei rifiuti sul territorio comunale. Le due associazioni hanno incontrato oggi l’assessore all’ambiente Gabriele Folli per mettere a punto gli ultimi dettagli del piano di intervento, sulla base della convenzione in atto con il Comune di Parma.

Le forze in campo saranno sicuramente significative: i volontari abilitati e muniti di divisa sono 35, e ogni giorno circa una decina di loro sarà sulle strade di Parma per vigilare e reprimere i comportamenti scorretti in materia di conferimento dei rifiuti. E lo faranno sia durante il giorno che nelle ore notturne. I volontari sono pubblici ufficiali a tutti gli effetti e potranno agire sulla base della programmazione di attività di presidio in zone predeterminate, ma anche su segnalazione dei cittadini o direttamente su input del Comune. I loro compiti spaziano dal monitoraggio e mappatura di aree in cui si registra abbandono di rifiuti e discariche abusive, alla repressione e sanzionamento dei comportamenti scorretti, al pari dei vigili ambientali.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Con questa nuova task force in azione ci sono buoni motivi per sperare che possano venire meno, almeno in parte, i comportamenti scorretti in materia di rifiuti, che rischiano di dare un’immagine negativa, quindi di compromettere il buon esito della raccolta differenziata, che nelle settimane scorse è arrivata a superare il 62%. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Da sabato 23 maggio i parmigiani potranno andare al mare: ma solo in Emilia-Romagna

  • Coronavirus: le regioni ad alto rischio non riapriranno il 3 giugno

  • Paura in via Emilia Est: auto si ribalta alla rotonda e finisce nel parcheggio dell'Ovs

  • I carabinieri sequestrano tre piantine di 'marijuana': denunciato un 25enne

Torna su
ParmaToday è in caricamento