Rinnovato il contratto integrativo con il Gruppo Parmalat

"Quello appena sottoscritto è un accordo sul quale diamo complessivamente un giudizio positivo, che conferma l'importanza della contrattazione di secondo livello"

Scaduto lo scorso 31 dicembre, interessa più di 2000 lavoratori ed 11 stabilimenti in Italia "È stato firmato a Parma, nella giornata di ieri, 27 luglio, dopo mesi di confronto e una non stop di tre giorni, tra il Coordinamento nazionale Fai, Flai, Uila e la direzione aziendale, il rinnovo del contratto integrativo del Gruppo Parmalat, scaduto lo scorso 31 dicembre 2015 e che interessa più di 2000 lavoratori ed 11 stabilimenti in Italia". Lo comunica in una nota la Flai Cgil. "Quello appena sottoscritto è un accordo sul quale diamo complessivamente un giudizio positivo, che conferma l'importanza della contrattazione di secondo livello". Lo dichiara Mauro Macchiesi, segretario nazionale Flai Cgil. Il rinnovo ha rafforzato il sistema delle relazioni industriali attraverso la valorizzazione del coordinamento congiunto azienda - sindacato delle commissioni tecniche paritetiche". "Sul versante della sicurezza e della comunità di sito sono stati istituiti la "giornata della sicurezza" da tenersi annualmente in ciascun sito produttivo e il coordinamento degli Rls delle diverse aziende che operano nello stesso stabilimento per confrontarsi sulle attività di prevenzione e sicurezza; per i dipendenti delle aziende appaltatrici si è stabilito l'eguale accesso al servizio mensa e all'infermeria. Inoltre, è stato istituito a carico dell'azienda il servizio lavaggio abiti". "Significativi miglioramenti - prosegue Macchiesi- anche in tema di conciliazione vita-lavoro: sono stati aumentati a 10 giorni i permessi per malattia per i genitori che hanno figli fino ai 12 anni di età, a tre giorni di permesso retribuito in caso di gravi patologie del figlio e tre i giorni di permesso retribuito al padre in occasione della nascita del figlio. Inoltre, è stata costituita la "banca ore solidale" per gravi situazioni familiari e nel caso di gravi patologie di figli minori l'azienda contribuirà con giorni aggiuntivi altre a quelli donati dai lavoratori. Infine, per l'anno 2016 si è proseguito il percorso di armonizzazione, avviato con lo scorso rinnovo, degli importi di premio per i siti con valori più bassi. L'aumento del valore nominale del premio per obiettivi, per gli anni 2017-2018-2019, è pari a euro 222 a regime per i premi più alti, mentre per gli altri di importo inferiore l'aumento è più consistente". "L'accordo Parmalat - commenta poi Luca Ferrari, segretario generale Flai Cgil Parma - introduce importanti innovazioni che miglioreranno le condizioni lavorative (assunzioni stabili, lavaggio del vestiario, sperimentazione smart working, banca ore solidale, più permessi per casistiche socialmente rilevanti, garanzie per i lavoratori in appalto, specie soci lavoratori, ecc...) e un premio ad obiettivi che a regime per il sito di Collecchio arriva a oltre 2.700 euro, trai più alti a livello nazionale. Con l'ipotesi di accordo Parmalat - che sottoporremo alle assemblee dei lavoratori - si chiude un ciclo di rinnovi che ci ha visti impegnati a garantire salario e diritti ai 15 mila lavoratori alimentaristi della provincia di Parma. Grazie ai contratti di Gruppo, a quelli aziendali e a quelli territoriali il 90% dei lavoratori alimentaristi della provincia di Parma ha due livelli contrattuali. Questo settore non è esente dalle difficoltà, basti pensare alle tante crisi che quotidianamente affrontiamo, dal caso Parmacotto alla riconversione di Eridania, dagli appalti "grigi" del settore delle carni, alle difficoltà dei volumi produttivi di stabilimenti storici come l'ex Plasmon di Ozzano e la Nestlé, ma l'accordo Parmalat e tutti gli altri che lo hanno preceduto confermano che questo è un comparto di valore, con un'alta contrattazione figlia della capacità rappresentativa delle organizzazioni sindacali e delle sue RSU, nonché della professionalità e qualità messa in campo quotidianamente dai lavoratori". Pubblicato su www.cgilparma.it il 28 Luglio 2016

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Tra mercatini di Natale, teatri, concerti e vin brulè: ricchissimo week end di dicembre

  • Fallisce la Sebiplast: al via i licenziamenti collettivi

  • Blitz in casa di un commerciante 46enne: in cantina 23 chili di hashish nascosti tra le bottiglie di vino

Torna su
ParmaToday è in caricamento