Ruba 200 euro di vestiti da H&M, poi picchia l'addetto alla sicurezza: arrestato 57enne

L'episodio è avvenuto ieri pomeriggio: l'uomo è stato bloccato dai carabinieri

Ha cercato di rubare diversi capi di abbigliamento, per un valore totale di 200 euro, dal negozio H & M di via Mazzini a Parma, poi ha spintonato e picchiato l'addetto alla sicurezza. L'episodio è avvenuto nel pomeriggio di ieri, sabato 13 aprile, in pieno centro a Parma. L'uomo, un 57enne cittadino italiano nato a Reggio Emilia ma residente a Bolzano, è entrato come un normale cliente: nel corso della sua permanenza all'interno del negozio ha cercato di occulare alcuni vestiti all'interno di una borsa. Gli addetti alla sicurezza lo hanno osservato e poi lo hanno fermato all'uscita. Il 57enne ha reagito spintonando e picchiando uno degli addetti. I carabinieri di Sorbolo, che sono giunti sul posto in pochi istanti, sono riusciti a bloccare ed immobilizzare l'uomo, che ora si trova in una cella di sicurezza della Caserma, in attesa del processo per direttissima. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Massacrata e minacciata per anni dal mio ex: adesso ho paura ad uscire di casa"

  • Cronaca

    Raid al parco Ducale, trovata e sequestrata droga: denunciati due pusher

  • Politica

    Pizzarotti: "Ecco perchè non farò un selfie con Greta Thunberg"

  • Attualità

    Tagli alle pensioni di 28mila parmensi. Cisl: “Colpa della finanziaria”

I più letti della settimana

  • Tigotà apre a Parma lo store più grande della città

  • Bimba di 10 mesi muore nel sonno a Colorno: abitazione sotto sequestro

  • Poste non paga gli interessi di un buono di 34 anni fa: nonna e nipote risarciti

  • Lascia il figlio di 3 anni solo in casa per andare a firmare in Caserma, lui scappa in strada: 42enne denunciato

  • Primo prelievo multi organo a cuore fermo: lavoro di squadra tra Parma, Reggio e Modena

  • Tagli all'accoglienza: 21 euro a migrante ma Parma se ne frega e prepara mille posti

Torna su
ParmaToday è in caricamento