Rugbista colpito con un pugno in faccia, il presidente dell'Amatori: "Questo non è sport ma violenza"

Davide Belli, giocatore dell'Amatori è stato colpito da un avversario nella partita di ieri. Parla il presidente Andrea Bandini: "Mi auguro che la società Florentia prenda provvedimenti"

Paura nel pomeriggio di ieri, domenica 22 ottobre, sul campo dell'incontro di rugby tra la squadra Arca Gualerzi Amatori e la Florentia, valido per il campionato di serie b di rugby. Davide Belli, giocatore dell'Amatori, è stato colpito da un pugno in faccia ed è svenuto. E' rimasto a terra privo di sensi, poi è stato trasportato in ospedale. Parla il presidente dell'Arca Gualerzi Amatori Andrea Bandini:

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Ieri è successa una cosa molto incresciosa, di sport c'è stato poco  -esordisce il presidente: sono stati fatti molti falli ed uno in particolare ha mandato in ospedale un ragazzo, con la mandibola e lo zigomo rotto. Io credo che questo non sia sport e mi auguro che aldilà della giustizia sportiva la società Florentia prenda dei provvedimenti su queste persone che fanno dello sport una violenza. Adesso ha ripreso conoscenza, stiamo aspettando la diagnosi finale e questo ci fa ben sperare. Abbiamo fatto un reclamo ufficiale all'arbitro, anche se lui non voleva. Se ci fosse stato un arbitro di polso queste cose probabilmente non sarebbero successe". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, i 'furbetti' del supermercato: "Chi esce per comprare solo una birra è incosciente"

  • Coronavirus: a Parma sabato e domenica chiusi centri commerciali e supermercati

  • Salsomaggiore: muore il medico termale Ghvont Mrad

  • Coronavirus: il Gruppo Chiesi dona 3 milioni di euro e aumenta del 25% lo stipendio dei lavoratori

  • Coronavirus, Venturi: "Sistema al collasso se a Parma i contagi non diminuiscono"

  • Coronavirus: in arrivo una nuova certificazione

Torna su
ParmaToday è in caricamento