sabato, 01 novembre 16℃

Teatro dei dialetti e Sala Conferenze, consegna entro l'anno

Il sindaco di Parma Pietro Vignali e l'Assessore ai Lavori Pubblici Aiello hanno effettuato un sopralluogo ai due cantieri: la sala al Parco Eridania sarà pronta a settembre, il teatro a dicembre

Redazione 8 agosto 2011

Il sindaco Pietro Vignali e l’assessore ai Lavori pubblici, Giorgio Aiello, questa mattina hanno effettuato un sopralluogo sul cantiere di due importanti opere, ormai in via di ultimazione. Si tratta della Sala Conferenze del Parco Eridania - che collega l’Auditorium Paganini al Centro congressi, pensata per offrire un luogo ideale per svolgere conferenze ma anche per ascoltare musica da camera - e del Teatro dei Dialetti, in viale Mentana, che garantirà uno spazio d’eccellenza alla cosiddetta cultura popolare.
 
La Sala Conferenze

Si tratta di una sala da 400 posti, completamente interrata. La struttura, oltre ad essere sala per conferenze e per ascolto di musica da camera, svolgerà anche la funzione di collegamento coperto tra l’Auditorium Paganini ed il Centro congressi, e una grande vetrata la separerà dall’elegante giardino che la fiancheggerà sul lato est. Il giardino, questo a cielo aperto, è collocato anch’esso sotto il livello del parco, alla medesima altezza della platea della sala. L’opera, che ha già ottenuto il consenso del progettista dell’Auditorium, si trova sul lato sud-est dello stesso e, vista la sua collocazione ipogea (coperta con tetto piano sormontato da un prato), non interferisce con la prospettiva del Paganini. Al momento i lavori sono in fase avanzata di realizzazione: la prima parte degli stessi, a carico del soggetto attuatore, sono stati ultimati per un importo pari a 3,5 milioni di euro.

Questa fase ha visto la realizzazione di tutta la parte strutturale della sala ed è stata completata con l’ampliamento della struttura vano ascensore che collega la nuova opera con l’Auditorium. La sala è stata utilizzata durante la conferenza dei ministri dell’Ambiente tenutasi nel marzo scorso ricorrendo ad allestimenti temporanei. I lavori di completamento per la parte impiantistica e di finitura sono attualmente in fase di ultimazione e se ne prevede la fine per il prossimo mese di settembre per un importo di 2,8 milioni di euro, di cui 1,9 milioni ottenuti mediante un finanziamento regionale. Ora sono in corso le procedure per l’acquisizione degli arredi, e il valore finale dell’opera è di circa 7,5 milioni di euro.    


Il Teatro dei dialetti 

La realizzazione del teatro è in avanzata fase di completamento, e la prima parte delle opere (realizzata dai privati per un importo pari a 2,5 milioni di euro) è stata completata. La seconda parte dei lavori è in esecuzione con risorse proprie Comunali. La sala, una volta ultimata, avrà la capienza di  600 posti a sedere, il palcoscenico sarà dotato di attrezzature tecniche e sarà corredato di locali di servizio, quali camerini artisti, sartoria, depositi, sottopalcoscenico e graticcia. L’ingresso avverrà da viale Mentana, a fianco dell’attuale circolo dipendenti Comunali. Alla luce degli atti finora approvati il costo del completamento a carico del Comune ammonta a circa 3,5 milioni di euro compreso gli arredi (impianti in corso di esecuzione ed opere di completamento architettonico) per un totale di circa 6 milioni di valore complessivo dell’opera finita. I lavori saranno ultimati entro dicembre 2011.

Annuncio promozionale

"Questa sala da 400 posti sarà in grado di ospitare conferenze e concerti di musica, inoltre collegherà il Centro congressi e l’Auditorium Paganini”, afferma il sindaco Pietro Vignali parlando della Sala Conferenze del Parco Eridania. In riferimento al Teatro dei Dialetti di viale Mentana il sindaco ha invece ricordato che  si tratta “di una struttura di grande pregio, che va ad arricchire la dotazione dei contenitori culturali presenti in città”. “La Sala Conferenze, una volta ultimata, completerà il complesso del Parco Eridania formato dall’Auditorium e dal Centro congressi – ricorda l’assessore Aiello –. Il Teatro dei Dialetti fornirà invece uno spazio alla cultura popolare, e sarà pronto entro fine anno”.

Pietro Vignali
Centro
lavori pubblici

Commenti