Scandalo diamanti, l'avvocato dei parmigiani truffati: "I risarcimenti stanno arrivando"

Intervista a Grazia Ferdenzi, legale dei correntisti della nostra città: "Solo Bpm non ha aderito alle nostre richieste, ma ha fatto proposte di rimborso solo parziale"

Scandalo dei diamanti. Anche la nostra città è coinvolta nella vicenda: centinaia di parmigiani si sono ritrovati truffati dopo aver effettuato investimenti in alcune delle principali banche italiane, da Unicredit, Intesa San Paolo e Monte dei Paschi di Siena. Abbiamo chiesto all'avvocato Grazia Ferdenzi, l'avvocato dei clienti parmigiani truffati, di spiegarci qual'è la situazione e a che punto sono i risarcimenti. 

"Abbiamo centinaia di consumatori coinvolti nello scandalo diamanti -esordisce l'avvocato- per i quali abbiamo iniziato, già dall'ottobre del 2017, all'indomani del provvedimento dell'antitrust che ha sanzionato banche ed istituti di vendita, a presentare le prime richieste di rimborso a tutte le banche coinvolte e alle società di vendita dei diamanti, una delle quali è fallita il 10 gennaio".

Per quanto riguarda i risarcimenti i clienti hanno avuto indietro i loro soldi?  

"Ad oggi i correntisti di tre banche, Unicredit, Intesa San Paolo e Monte dei Paschi di Siena stanno iniziando a ricevere la restituzione dei capitali investiti a fronte della resa dei diamanti che avevano acquistato. Per quanto riguarda i correntisti di Bpm la situazione è in divenire perchè la banca non ha aderito alle nostre richieste di restituzione totale, come hanno fatto le altre banche, ma sta facendo proposte di rimborso parziale che non sono stati mai accettate dai risparmiatori e che oggi, alla luce di quello che è successo due giorni fa a Milano, in seguito al decreto di sequestro emesso dalla Procura della Repubblica credo che non verranno nemmeno accettate in futuro. A questo punto i consumatori pretendono ed hanno diritto ad avere la restituzione totale dei soldi"

Quali sono le speranze dei consumatori per il futuro? 

"La vicenda è molto complessa perchè anche come stiamo vedendo dagli atti della Procura di Milano coinvolge tutte le alte sfere delle banche, le società di vendita e le coinvolge sotto vari profili, che vanno dalla corruzione tra privati alla truffa, ci sono varie sfaccettature che non posso conoscere perchè sono atti non ancora pubblici. E' una situazione molto complessa: mi auguro che i risparmiatori dell'unica banca reticente possano vedere il ristoro degli investimenti fatti"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Pioggia e vento, allerta gialla nel parmense: week end con temperature in discesa

  • Maltempo: allerta per piene dei fiumi e frane in Appennino

  • Scatta l'obbligo di gomme da neve sulle strade provinciali

Torna su
ParmaToday è in caricamento