Scappano dai carabinieri con l'auto rubata e si schiantano contro la vetrina di un negozio

L'episodio è avvenuto nella notte in via Savani

Stavano viaggiando in corrispondenza del ponte delle Nazioni a Parma a bordo di una Mercedes 200 rubata quando sono stati intercettati dai carabinieri hanno cercato di fermarli, intimando l'alt. Il conducente però ha accelerato e ne è nato un breve inseguimento.

L'episodio si è verificato nella notte tra lunedì 11 e martedì 12 maggio a Parma. Due giovani infatti si sono resi protagonisti di alcuni momenti di tensione, che hanno messo in pericolo la circolazione stradale. I militari hanno visto l'auto sfrecciare lungo il ponte delle Nazioni: dopo aver verificato che il mezzo era stato rubato il 28 febbraio nella nostra città hanno intimato l'alt al veicolo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il conducente ha accelerato: i carabinieri hanno inseguito la Mercedes, che si è poi andata a schiantare contro la vetrina di un negozio di via Savani, al civico numero 12. Il conducente è riuscito a scappare a piedi mentre il passeggero è stato bloccato dai carabinieri. Si tratta di un 22enne modenese residente a Parma: per lui due denunce per resistenza a pubblico ufficiale e ricettazione. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

Torna su
ParmaToday è in caricamento