Scarica rifiuti speciali in una discarica abusiva a Fontevivo: denunciato imprenditore

I carabinieri Forestali hanno fermato un autocarro che stava scaricando il materiale pericoloso: denunciato anche il conducente del mezzo

Stava scaricando un carico di rifiuti speciali all'interno di un terreno a Fontevivo, che era diventato una vera e propria discarica abusiva. Un imprenditore parmigiano ed un suo collaboratore sono stati denunciati dai carabinieri Forestali per raccolta, recupero, trasporto e smaltimento di rifiuti senza autorizzazione. L'episodio è avvenuto nei giorni scorsi: i militari hanno sorpreso il conducente di un autocarro mentre in flagranza mentre scaricava i rifiuti speciali nel terreno, in uso all'impresa di cui il conducente del mezzo è dipendente. Nella stessa zona i carabinieri Forestali hanno trovato altri cumoli di rifiuti, probabilmente non pericolosi: residui da demolizioni, manufatti, materiali plastici e metallici, residui di coperture isolanti, bancali in legno. Il materiale trovato e l'autocarro usato per lo smaltimento illegale sono stati sequestrati. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Donna 40enne travolta ed uccisa sulle strisce pedonali all'Arco di San Lazzaro

  • Cronaca

    La baby gang che assaltava le scuole tradita da Facebook: due arresti e due denunce

  • Cronaca

    Lo affiancano in bici fingendosi vecchi amici e gli rubano il portafoglio: anziano derubato

  • Attualità

    Fridays for future: Parma torna in piazza per il clima

I più letti della settimana

  • "Ecco come vivo senza lavorare"

  • Scossa di terremoto di magnitudo 3.3: paura a Fidenza e Salsomaggiore

  • Donna 40enne travolta ed uccisa sulle strisce pedonali all'Arco di San Lazzaro

  • "Venduta, stuprata nelle carceri libiche e costretta a prostituirmi a Parma"

  • Corse clandestine nel parcheggio del Panorama: fermati 40 giovani

  • Installa telecamere per controllare i dipendenti: i Nas denunciano un'estetista

Torna su
ParmaToday è in caricamento