Salsomaggiore, rifiuti pericolosi al cimitero: sequestrate due discariche

Proprio nel giornoo della pubblicazione da parte di Legambiente del Rapporto Ecomafia 2011, le fiamme gialle hanno rinvenuto anche molti sacchi di "lana roccia", un materiale deleterio per il sistema respiratorio

rifiuti-pericolosi-lana-rocciaPezzi di vetro, plastica, batterie per auto, materiale edile, pneumatici e altro materiale sono stati individuati nelle adiacenze del cimitero della cittadina termale. In tale contesto, i finanzieri della Tenenza di Salsomaggiore Terme, coordinati dal Comando Provinciale di Parma, hanno individuato e posto sotto sequestro penale due aree illecitamente adibite a discariche di rifiuti speciali, per un totale di circa 2mila metri quadrati.

L’operazione di servizio ha consentito di rinvenire una elevata quantità di rifiuti c.d. “speciali” quali materiale edile di scarto, ferro, legno, vetro, plastica, pneumatici di scarto, batteria per auto, nonché un ingente quantitativo di sacchi tipo “Big Bags”, contenenti materiale isolante denominato “lana di roccia” (rifiuto che, seppur non considerato cancerogeno, è nocivo per la salute, poiché sprigiona sostanze deleterie per il sistema respiratorio).
Durante l’intervento, i militari della Guardia di Finanza si sono avvalsi della consulenza tecnica di personale del Dipartimento di Sanità Pubblica del Distretto dell’A.U.S.L. di Fidenza (PR), quali ausiliari della Polizia Giudiziaria, al fine di rilevare la presenza di eventuale eternit e/o amianto.
Il proprietario del fondo sottoposto a sequestro, peraltro già noto alle forze dell’ordine, è stato segnalato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Parma per reati in materia di tutela ambientale, mentre, per quanto concerne la seconda area oggetto del provvedimento restrittivo, individuata su uno stradello a ridosso del muro di cinta del cimitero comunale, in assenza dell’individuazione del soggetto e/o soggetti responsabili, è stata formulata una denuncia a carico di ignoti.

L’azione operativa costituisce un’ulteriore testimonianza del costante presidio esercitato dalle Fiamme Gialle sul territorio della Provincia di Parma, non solo a tutela dell’Erario, ma anche dell’ambiente e della salute del cittadino.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nascondevano otto chili di cocaina in un garage del San Leonardo: arrestato un pizzaiolo ed il suo complice

  • Parmense flagellato dal maltempo: allagamenti, crolli e disagi per la neve

  • Esce di strada in via Emilia sotto la pioggia a dirotto: gravissimo al Maggiore

  • Caso Pesci, parlano i testimoni dell'accusa: "La ragazza stava malissimo, era piena di lividi ed abrasioni"

  • Blitz contro l'Ndrangheta nel parmense: sequestrati 9 milioni di euro di beni a due imprenditori

  • Flash mob musicale in Oncoematologia pediatrica: personale e pazienti si scatenano sulle note di Friends

Torna su
ParmaToday è in caricamento