Il Nucleo Antifrodi sequestra 1.800 litri di latte in polvere per bambini

Il blitz è avvenuto in un'azienda di trasformazione in provincia di Parma: era destinato alla commercializzazione per l'infanzia

Il Nucleo Antifrode di Parma, a seguito verifica presso azienda di trasformazione della provincia di Parma, procedeva al sequestro di 126,500 kg di latte di asina liofilizzato indirizzato alla trasformazione nell’equivalente di circa 1.800 litri di latte destinati all’infanzia. L’attenzione dei militari si è incentrata sulla carenza degli elementi essenziali – previsti dalle norme di settore- per stabilire la provenienza del prodotto. L’alimentazione infantile negli ultimi anni ha attratto sempre più i riflettori del pubblico interesse, sia in ragione del particolare utente cui  è destinata – i bambini appunto- sia in ragione della sua strumentalità come mezzo di educazione alimentare, attraverso il quale viene a definirsi il rapporto con il cibo fin dai primi anni di vita. La sicurezza dell’alimentazione dei piccoli consumatori è un bene prezioso e prioritario, in relazione ai molteplici fabbisogni nutrizionali specifici e alla delicatezza delle plurime implicazioni della salute dei bambini

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino: cosa fare

  • Parma, tappa per BlaBlaBus: si viaggia in tutta Europa

  • Bere alcolici fa male: il vero sballo è dire no

  • Come pulire e igienizzarei bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tragico schianto in moto contro l'ambulanza, il fidanzato muore: 27enne di Parma in prognosi riservata

  • Tragedia a Colorno: ciclista 54enne cade sull'Asolana e muore

  • Paura per due sorelle di 13 e 12 anni, escono di casa e non rientrano per la notte: trovate dalla polizia

  • Fidenza, consulente finanziaria accusata di irregolarità: blitz della Finanza

  • I banditi assaltano nella notte una villa di Sorbolo, bottino di migliaia di euro: rubate pistole e fucili

  • Cantano e suonano davanti al Teatro Regio, due giovani denunciati: chitarre sequestrate

Torna su
ParmaToday è in caricamento