ll Nucleo Antifrode di Parma sequestra 35 mila uova destinate al commercio

Sicurezza alimentare: sono state riscontrate violazioni in tema di tracciabilità e etichettatura 

Il Nucleo Antifrode di Parma, a seguito di azione di monitoraggio presso aziende avicole della provincia di Forlì-Cesena, ha sequestrato 35.000 uova fresche riscontrando violazioni in tema di rintracciabilità ed etichettatura. Nella casistica di specie la mancanza o l’incompletezza delle informazioni crea un danno al consumatore e agli operatori di settore onesti e, inoltre, il non poter conoscere la provenienza dell’alimento crea potenziali elementi di pericolosità ai danni della salute di consumatori. L’ attività s’inquadra nella più ampia strategia di controlli a tutela del comparto, che  già nelle scorse settimane hanno portato al sequestro di 50.000 uova.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

Torna su
ParmaToday è in caricamento