Sharingfood, l'App per ridurre lo spreco alimentare: eccellenza parmigiana a Expo 2015

L'app, realizzata da tre studentesse del Maria Luigia, serve a ridurre lo spreco alimentare, ed è una piattaforma multimediale per scambiare o donare quantità di cibo che andrebbe altrimenti sprecato. Ha vinto un concorso organizzato dal Padiglione Svizzero

Eccellenze parmigiane ad Expo 2015. Due studentesse e uno studente del liceo Maria Luigia, Anita, Julien e Beatrice, hanno realizzato un App, chiamata Sharingfood, che ha vinto un concorso organizzato dal padiglione svizzero di Expo 2015. L'app serve a ridurre lo spreco alimentare, ed è una piattaforma multimediale per scambiare o donare quantità di cibo che andrebbe altrimenti sprecato, ad esempio avanzi di supermercati, mense, ristoranti o privati. L'App è già disponibile su Android e tra due settimane sarà disponibile anche su Apple. Uno strumento utile e innovativo per permettere a privati e alle associazioni che raccolgono cibo di interagire con chi dona il cibo che in alternativa andrebbe al macero. 

IL VIDEO 

"Hai comprato troppe zucchine? Stai partendo e non sai cosa fare di quel chilo di mele? Scarica SharingFood! L’app contro lo spreco alimentare creata dagli studenti del Liceo Maria Luigia di Parma, vincitori del concorso indetto dall’Ambasciata di Svizzera in Italia e dal MIUR Social! #SwissPavilion

Potrebbe interessarti

  • Piscine interrate: costi e tempi per averne una nel proprio giardino

  • E' vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Ma come ti vesti... a un matrimonio estivo? Ecco tutti i consigli

  • Verità e falsi miti sui rimedi anti medusa

I più letti della settimana

  • Chiesi, 4 lettere di licenziamento: parte lo stato di agitazione

  • Ecco il nuovo Gruppo Parmense Pizzerie di Qualità

  • Roncole Verdi: motociclista 57enne cade sull'asfalto e muore

  • Respiccio di Fornovo: 53enne muore mentre spegne un incendio

  • Incendio nel bagno, 14enne ustionato alle gambe: gravissimo al Maggiore

  • Parma, i dubbi di Balotelli: i due nodi da sciogliere

Torna su
ParmaToday è in caricamento