Soragna, operai infedeli rubano sul posto di lavoro: due denunciati

I carabinieri hanno fermato un 25enne e un 50enne: il primo rubava ogni giorno 20 euro dalla cassa dell'ufficio, il secondo caricava ferro e attrezzi da lavoro sulla propria auto

Due operai sono stati sorpresi mentre rubavano all'interno delle rispettive aziende e denunciati per furto aggravato. I due episodi, che sono stati ricostruiti dai carabinieri di Soragna, si sono verificati entrambi nei giorni scorsi in paese: protagonisti un lavoratore 25enne di Soragna e un lavoratore 50enne di Fidenza. Nel primo caso da alcuni giorni il titolare dell'azienda per lui lavorava si era accorta dell'ammanco di alcune banconote, sempre più frequente, dalla cassa dell'ufficio dell'officina. Il datore di lavoro si è rivolto ai carabinieri, che hanno installato alcune telecamere: dopo qualche giorno un dipendente di 25 anni è entrato nell'ufficio ed ha preso 20 euro. Così faceva quasi ogni giorno: all'uscita si è trovato i carabinieri che lo hanno accompagnato in Caserma: il giovane ha ammesso le sue responsabilità ed è stato denunciato per furto aggravato. Il secondo lavoratore invece, un 50enne di Fidenza, caricava materiale ferroso sulla propria auto, oltre che alcuni attrezzi da lavoro. In questo caso i militari si sono appostati e lo hanno colto sul fatto: anche per lui è scattata una denuncia per furto aggravato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schiantano in auto contro un tir in A1: muoiono una 24enne incinta e il suocero 76enne

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

  • "Fascista di m... ti prendo a schiaffi": candidata della Lega aggredita e minacciata a Sissa

  • Bannone, pauroso frontale tra auto e furgone: tre feriti gravi

  • Fontanellato, operaio investito da un muletto: 59enne gravissimo al Maggiore

Torna su
ParmaToday è in caricamento