Sparatoria a Salsomaggiore, è caccia ai responsabili: il ferito non si trova

Sarebbero quattro gli uomini coinvolti nella rissa di sabato pomeriggio: uno di loro è rimasto ferito ma negli ospedali non c'è nessuna traccia di lui

Chi gira per Salsomaggiore con una pistola in tasca ed è pronto ad utilizzarla durante un rissa, in pieno pomeriggio e nel centro cittadino? E' questo uno degli interrogativi degli inquirenti che in queste ore stanno cercando di ricostruire nel dettaglio quanto accaduto nel pomeriggio di sabato tra via Indipendenza e via Puccini: una sparatoria avvenuta dopo una violentissima rissa tra almeno quattro persone, poi scappata a bordo di due auto diverse. Lo choc in paese è ancora tanto: i residenti non si spiegano come sia potuto accadere un episodio del genere in pieno pomeriggio.

I baristi del bar Mazzini, un tempo noto come Pam Pam, ci tengono a sottolineare che il locale non c'entra nulla con la rissa scoppiata sabato: è probabile che uno degli uomini coinvolti nella rissa fosse appena uscito dal bar. Due auto sarebbero arrivate in quel punto verso le 17: da lì sarebbe nata la rissa a colpi di spranghe e cacciaviti. Pochi istanti dopo i tre colpi di pistola, poi la persona ferita è salita in macchina. Tutti hanno fatto perdere le proprie tracce. Negli ospedali della zona non si è presentato nessuno con ferite da arma da fuoco o da taglio. Le indagini dei carabinieri proseguono per decodificare meglio un episodio che assume ancora i tratti del giallo. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morta la 38enne di Fontanellato colpita da un malore in acqua

  • Rischia di annegare al mare a Marina di Massa: 38enne di Fontanellato gravissima

  • Abusi sessuali nei confronti di un bambino di 11 anni: arrestato 37enne

  • Ricatto a luci rosse: "Paga 2 mila euro o diffondiamo le immagini dei video porno che hai guardato"

  • Tragedia a Varano: 39enne muore schiacchiato dalla ruspa che stava conducendo

  • Roccabianca: scoperte due concessionarie abusive di auto

Torna su
ParmaToday è in caricamento