Stazione, scattano i controlli: latitante 20enne finisce in manette

La donna, che aveva a suo carico un'aggravamento dei domiciliati per una rapina impropria commessa a Rimini, ora si trova nel carcere di Modena

E' stata fermata all'interno della stazione ferroviaria di Parma ed arrestata una giovane donna di 20 anni, di origine rumena, che era stata raggiunta da un provvedimento di aggravamento degli arresti domiciliari e che avrebbe dovuto, quindi, essere in carcere. Nell'ambito di alcuni controlli di routine della polizia ferroviaria la giovane è stata identificata nella mattinata di ieri, domenica 14 ottobre, verso le 12.30. A carico della donna, residente a Torino, anche altre denunce per reati predatori e contro la pubblica amministrazione, come per esempio oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale. La donna aveva ricevuto l'aggravamento della misura degli arresti domiciliari in seguito ad un rapina impropria compiuta nel comune di Rimini: ora si trova nella sezione femminile del carcere di Modena. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Operazione 'martellamento', la polizia controlla i quartieri dello spaccio da oltre 24 ore: sequestri e denunce

  • Cronaca

    Lavoro nero e cibo mal conservato: chiuso un bar in centro

  • Cronaca

    Blitz dopo la segnalazione dei cittadini, i pusher scappano da piazzale Santa Croce: sequestrata coca e 'erba'

  • Attualità

    Bologna e Parma da oggi più vicine: siglato un accordo commerciale tra gli aeroporti Marconi e Verdi

I più letti della settimana

  • Scossa di terremoto di 4.6 a Ravenna: sentita anche a Parma

  • Visita a sorpresa: la Gregoraci al Gabbiano

  • Panico in A1, auto si immette contromano: fermato conducente di 70 anni l

  • Lei lo lascia, lui pubblica le sue foto intime su un sito e le invia ai genitori: 54enne condannato

  • Paura a Corcagnano, esce di strada e si ribalta in via Langhirano: conducente grave

  • Follia al campionato Juniores: rissa tra genitori tra insulti e spinte

Torna su
ParmaToday è in caricamento