Tagli all'accoglienza: 21 euro a migrante ma Parma se ne frega e prepara mille posti

Mentre le altre province disertano le aste, la nostra città continua ad accogliere

Il ministero dell’Interno abbassa le quote erogate ogni giorno per migrante, passando da un massimo di 35 euro del vecchio bando agli attuali 21,35 euro. Questo però non ha cambiato il sistema di accoglienza che si è sviluppato e rafforzato negli anni a Parma e provincia, con le cooperative dedicate che continuano ad accogliere nonostante il taglio dei fondi. Faticano ma resistono perché la situazione non è ancora al collasso. Il taglio dei fondi ha portato a qualche frizione, ma a Parma, dove il bando che mette a disposizione mille posti per l’accoglienza dei richiedenti asilo per i prossimi due anni nelle unità abitative sparse in tutta la provincia non è andato deserto, a differenza di Reggio Emilia. Le cooperative sociali, come Svoltare, Biricc@, Betania hanno proposto di gestire 600 migranti. La tendenza rispetto agli ultimi anni è cambiata, ma non a Parma, dove si continua ad accogliere.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I cinque migliori ristoranti per la pausa pranzo a Parma

  • È morto il 46enne investito da un ciclista in piazzale Picelli

  • Aeroporto, gli industriali ci mettono 8.5 milioni di euro: ecco i nuovi voli

  • Trova una ladra in camera da letto, la blocca e la fa arrestare: 26enne serba in carcere

  • "Buon viaggio Schinca": il ricordo degli amici del 40enne morto dopo lo schianto in moto

  • Fontanellato: 40enne morsa al polpaccio da una nutria

Torna su
ParmaToday è in caricamento