Tangenti per gli appalti su Wcc: arrestati due funzionari di Stt per concussione

Nell'ambito dell'operazione 'Spot Money', sono finiti in manette Ivano Savi e Stefania Benecchi. I finanzieri hanno sequestrato anche due case in Val di Fassa del valore di un milione di euro

Finanza

Questa mattina, i Finanzieri del Comando Provinciale di Parma, nell'ambito dell'operazione "SPOT MONEY", hanno dato esecuzione ad una misura cautelare personale e patrimoniale nei confronti di due funzionari di STT Holding ritenute responsabili del delitto di concussione.
Le investigazioni, condotte dal Nucleo di Polizia Tributaria di Parma, sono state coordinate dalla dr.ssa Paola Dal Monte, Sostituto Procuratore della Repubblica presso il locale Tribunale.

Nel corso delle articolate indagini, esperite mediante l’esame della documentazione contabile ed extra contabile, anche di natura bancaria, nonché attività tecniche, è stato appurato che gli indagati hanno posto in essere molteplici condotte fraudolente inficiando, così, la correttezza di gare pubbliche già eseguite ed ancora in corso di esecuzione, tenutesi per la realizzazione di importanti opere infrastrutturali (WELFARE COMMUNITY CENTER – W.C.C.  ed altri)  nel territorio del Comune di Parma.

L’attività, svolta con il massimo riserbo, ha consentito di acquisire numerosi elementi di riscontro in ordine a diversi episodi di concussione per importi rilevanti stimabili in diverse decine di migliaia di euro.
Tali somme rappresentano il corrispettivo versato da alcuni imprenditori locali e nazionali ai pubblici funzionari infedeli, per poter ottenere e garantirsi l’aggiudicazione di appalti a condizioni estremamente convenienti.

In particolare, le investigazioni hanno fatto emergere la propensione a delinquere dei funzionari pubblici coinvolti che, anche mediante l’utilizzo di una società di comodo a loro direttamente riconducibile, ma schermata da una fiduciaria milanese, hanno percepito somme di danaro al solo fine di favorire imprenditori costretti a versare dette somme, camuffate da consulenze, per garantirsi l’aggiudicazione di appalti per decine di milioni di euro.

Nella mattinata odierna, pertanto, in esecuzione di un’ordinanza applicativa della misura cautelare emessa dal GIP presso il locale Tribunale, sono stati tratti in arresto Ivano Savi, nativo della provincia di Piacenza, classe ’64, noto professionista locale e Stefania Benecchi, nativa della provincia di Parma, classe ’71, entrambi funzionari pubblici di STT e ritenuti entrambi responsabili di concussione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Sono state esperite, altresì, perquisizioni che hanno consentito di rinvenire e sequestrare documentazione e materiale informatico ritenuto di interesse investigativo e si è proceduto, così come disposto dal GIP, al sequestro di immobili, due appartamenti siti in note località   sciistiche (val di Fassa – TN)  del valore di circa un milione di euro, intestati a società di comodo loro riconducibili, acquistati con il provento dell’attività illecita posta in essere dai citati pubblici dipendenti e di un conto corrente bancario.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, Sepe cuore d'oro: non chiede gli affitti ai suoi inquilini

  • Coronavirus, manca la manodopera per la coltivazione dei pomodori: ecco come candidarsi

  • Coronavirus - Parma piange altri 14 morti, 48 nuovi casi: il totale arriva a 2.365

  • Coronavirus: muore a 60 anni l'attivista dei 5 Stelle Cinzia Ferraroni

  • Coronavirus, Parma piange altri 25 morti e 118 nuovi casi: il totale supera i 2.200

  • Coronavirus: muore a 54 anni Roberto Bocchi

Torna su
ParmaToday è in caricamento