Tangenti Enìa, Allodi patteggia due anni di reclusione

L'imprenditore di San Pancrazio ha ammesso di aver pagato cinque tangenti al funzionario di Enìa Nunzio Tannoia, responsabile del servizio di manutenzione del verde pubblico.

Gian Luca Allodi, imprenditore agricolo 42enne, ha patteggiato due anni di reclusione davanti al gup Paola Artusi. Dopo aver trascorso un mese nel carcere di Reggio Emilia e due mesi agli arresti domiciliari, Allodi ha confessato di aver pagato ben cinque tangenti al fine di beneficiare degli appalti gestiti dal funzionario di Enìa Nunzio Tannoia, responsabile del servizio di manutenzione del verde pubblico che è ancora recluso.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'inchiesta della Guardia di Finanza era partita grazie alle intercettazioni che avevano svelato veri e propri episodi di corruzione anche da parte di un altro imprenditore, Alessandro Forni - titolare della ditta Verdissimo - e di Francesco Borriello, legale rappresentante di due società, la Fb Costruzioni e la Edil Green.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Spostamenti tra regioni il 3 giugno: ecco perché rischiamo la chiusura per altre due settimane

  • Bimbo di 4 anni muore all'Ospedale Maggiore

  • Coronavirus: a Parma 21 nuovi casi e 2 morti

  • Parma fuori dall'incubo: nessun decesso e nessun nuovo caso

  • Pizzarotti annuncia: "Giochi per bambini vietati, nei circoli anziani non si può giocare a carte"

  • Morte del piccolo Jacopo, oggi l'autopsia: due persone indagate per omicidio colposo

Torna su
ParmaToday è in caricamento