Si taglia le vene a scuola, ragazza salvata in extremis

Il gesto nel corridoio della scuola. Salvata da un'impiegata e portata d'urgenza al Pronto Soccorso

Un altro dramma, l'ennesimo che ha come protagonista, ancora una volta un giovane, stava per consumarsi giovedì mattina. Protagonista una ragazza appena diciottenne, che ha tentato di togliersi la vita a scuola. Dietro il folle gesto, probabilmente, ci sarebbe la una lite con i genitori, forse per uno spinello. Il gesto è stato compiuto all'interno di un istituto professionale, in un corridoio svuotato dalla campanella d'inizio lezione. Che ha segnato l'inizio di quello che poteva essere un dramma vero. La ragazza, con un coltello da cucina, ha avvicinato la lama ai polsi per tagliarsi, un'impiegata passando nei pressi del corridoio vuoto e silente ha notato il tutto e ha dato l'allarme. 118 e 112 sono giunti tempestivamente sul posto per prestare i primi soccorsi, ferite superficiali che sono state controllate al Pronto Soccorso, dove la ragazza è arrivata velocemente grazie all'efficienza degli operatori.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Corteo della Liberazione, Pizzarotti: "Orgoglioso di essere un sindaco antifascista"

    • Cronaca

      Trovato un cadavere in Po: è quello di Bebe Brown?

    • Sport

      Parma-Sudtirol 0-1 | Questa è crisi vera

    • Sport

      Parma, Ferrari tuona: "Chi non ci crede faccia un passo indietro"

    I più letti della settimana

    • Terribile schianto auto-vespa a Pieveottoville: muore un 55enne

    • Donna annegata nel Po: interrogato un 35enne di Viadana

    • Casa Cantoniera in vendita, le associazioni: "Servira' solo a fare cassa"

    • Esce di casa e si perde nel bosco: 65enne ritrovata priva di sensi sul greto di un torrente

    • Truffe agli anziani lungo la via Emilia: i Carabinieri (quelli veri) arrestano tre persone

    • Sequestrate oltre 358.000 uova destinate alla commercializzazione

    Torna su
    ParmaToday è in caricamento