Terremoto, da Emiliambiente e Ascaa 15 mila euro a Finale Emilia

La società patrimoniale e la società di gestione del servizio idrico integrato di 13 comuni del parmense hanno consegnato i soldi che serviranno per allestire uno spazio per giovani nella biblioteca locale

Allestire uno spazio multimediale dedicato ai giovani nella futura biblioteca di Finale Emilia: a questo serviranno i 15mila euro donati da Ascaa ed EmiliAmbiente SpA  - rispettivamente, la società patrimoniale e la società di gestione del servizio idrico integrato di 13 comuni del parmense - al Comune del modenese, uno dei più colpiti dal sisma dello scorso maggio. La donazione è avvenuta martedì 18 dicembre, nella sede delle due società, a Fidenza, alla presenza del Presidente di Ascaa, Claudio Bernardini, del Presidente di EmiliAmbiente, Emiliano Occhi, del Vicesindaco di Finale Emilia, Daniele Monari e della responsabile della biblioteca comunale del paese, Antonietta Furini.

Il patrimonio librario e documentario all’intero della biblioteca di Finale Emilia, fortemente danneggiata dal terremoto del 20 maggio e da allora dichiarata inagibile, è stato trasferito nelle aule agibili delle ex scuole medie del paese. Nonostante la sospensione forzata del servizio, il Comune ha cercato di proseguire alcune attività su libri e lettura rivolte soprattutto a bambini e ragazzi, incontrandoli nei campi di accoglienza, nei centri estivi e ora presso le scuole, anche attraverso un “Bibliobus”, una vera e propria biblioteca itinerante allestita grazie alla generosità di Istituzioni e privati. L’obiettivo è ora riattivare prima possibile il servizio in un luogo adeguato e organizzato per rispondere alle esigenze di informazione, istruzione, formazione permanente di tutta la comunità, composta da bambini, giovani e adulti: la futura biblioteca di Finale troverà perciò un ampio spazio nel primo piano del nuovo Municipio del paese, la cui costruzione è finanziata dalla Regione Emilia Romagna.

"L'intento dell'Amministrazione – ha spiegato a questo proposito il Vicesindaco Monari -  in questa fase di forte crisi economica e sociale ancora più complessa nelle zone colpite dal recente sisma, è quella di offrire alla comunità spazi attrezzati per aggregare, per facilitare il confronto e lo scambio per avvicinare tutti alle risorse informative e culturali che consentono alla comunità di ripensarsi  e di crescere".

"La Biblioteca di Finale – ha aggiunto Antonietta Furini, responsabile del servizio – registra da sempre una buona affluenza da parte degli studenti universitari e delle scuole superiori: per questo ci sembra particolarmente importante creare una sezione dedicata i ragazzi della fascia d’età 14-20 anni, una delle categorie che più risente oggi della mancanza di spazi accoglienti, attraenti e utili".

La donazione di Ascaa ed EmiliAmbiente verrà utilizzata per allestire lo spazio ragazzi con contenitori per i documenti audio-video, espositori per novità librarie, film e musica e postazioni multimediali attrezzate per lo studio e per le attività del tempo libero, prevedendo in particolare alcune computer corredati di accessori per l’ascolto e la visione.

"Abbiamo voluto sostenere le popolazioni colpite dal terremoto di maggio – ha affermato Claudio Bernardini, Presidente di Ascaa SpA – sposando un progetto puntuale, concreto, che ci consentisse di contribuire alla ricostruzione di questo paese, più che all’emergenza, e di essere vicini al territorio: una caratteristica, quest’ultima, che riteniamo fondante nel nostro modo di operare".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"L’incontro con gli Amministratori di Finale Emilia – ha aggiunto a questo proposito Emiliano Occhi, Presidente di EmiliAmbiente SpA – è stato anche l’occasione per instaurare una sorta di “gemellaggio” con una realtà molto simile alla nostra: il comune modenese, infatti, affida la gestione del servizio idrico integrato a Sorgeacqua SpA, una società interamente a capitale pubblico, di dimensioni contenute, molto vicina ai cittadini dei cinque comuni soci. Questa donazione rappresenta quindi, per noi, anche un momento prezioso per ragionare insieme sulla governance della risorsa-acqua"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

Torna su
ParmaToday è in caricamento