Terrore in via Trento, rissa con sparatoria: "Cinque colpi sparati da un balcone"

Confronto violento tra due gruppi di giovani nel sottopasso vicino alla stazione, una testimone: "Hanno sparato da un'abitazione verso la strada"

Rissa con sparatoria in via Trento, all' altezza del cavalcavia vicino alla stazione. Il gravissimo episodio si è verificato ieri sera, poco dopo le 23.30. Una donna parmigiana che stava aspettando l'autobus alla fermata che si trova lì vicino ha assistito all'inizio di una rissa tra due gruppetti di giovani che si stavano affrontando violentemente, probabilmente a causa di questioni legate ad un telefono cellulare. Ad un certo punto la donna ha sentito cinque colpi di arma da fuoco provenire da un'abitazione ed ha chiamato la polizia. Gli agenti delle Volanti della Questura di Parma sono giunti immediatamente sul posto ed hanno cercato di individuare il balcone dal quale erano partiti gli spari. Hanno ascoltato il racconto della donna e poi hanno effettuato una perquisizione all'interno di un palazzo, alla ricerca di armi. I poliziotti non hanno trovato armi da fiocco ma quattro cittadini nigeriani, di cui due irregolari e uno con precedenti per rapina che è stato accompagnato al Cpr di Bari per l'espulsione. 

Potrebbe interessarti

  • Piscine interrate: costi e tempi per averne una nel proprio giardino

  • E' vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Ma come ti vesti... a un matrimonio estivo? Ecco tutti i consigli

  • Verità e falsi miti sui rimedi anti medusa

I più letti della settimana

  • Chiesi, 4 lettere di licenziamento: parte lo stato di agitazione

  • Neonato di 8 mesi si ustiona in Autogrill: è grave al Maggiore

  • Ecco le baby gang che tengono in ostaggio il centro: "Giovanissimi tra alcol, droga e risse violente"

  • Roncole Verdi: motociclista 57enne cade sull'asfalto e muore

  • "Invasione di sciami di cimici pericolose in Emilia-Romagna"

  • Metalmeccanici, il 14 giugno è sciopero generale: lavoratori di Parma alla manifestazione di Firenze

Torna su
ParmaToday è in caricamento