Tibre, Wwf: "I lavori sono iniziati a Ronco Campo Canneto, ma non c'è nessun cartello"

Di pochi giorni fa la notizia della firma, in Prefettura del protocollo sulla legalità per quanto riguarda la realizzazione dell'autostrada, il cui primo lotto prevede la realizzazione di 9 chilometri. L'associazione: "I lavori stanno sconvolgendo il paesaggio agricolo della bassa, in mancanza di approvazione del progetto esecutivo"

Tirreno-Brennero. Di pochi giorni fa la notizia della firma, in Prefettura del protocollo sulla legalità per quanto riguarda la realizzazione dell'autostrada, il cui primo lotto prevede la realizzazione di 9 chilometri di tratto che andranno da Pontetaro a Trecasali, per un costo di 512 milioni di euro. Il Wwf che da tempo, insieme a Legambiente, che ha presentato un video sull'opposizione all'opera- e Lipu stanno seguendo la questione dell'impatto ambientale e sociale dell'opera- ha diramato una nota .

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Sulla stampa locale -si legge in una nota del Wwf- nei giorni scorsi sono apparsi con grande rilievo alcuni articoli sulla firma di un protocollo, volto a fornire garanzie di legalità per il cantiere dell'autostrada Tirreno-Brennero, rispetto al pericolo di infiltrazioni mafiose. Ma ci si dimentica sempre di ricordare che il progetto di bretella - che in realtà si fermerà nella campagna di Trecasali, con scarsissime probabilità di prosecuzione fino alla Brennero – attende l'approvazione del progetto esecutivo dopo un percorso che, sul piano del rispetto delle regole, appare piuttosto accidentato: la procedura d'infrazione del 2006 per la concessione senza gara europea, l'archiviazione della stessa a seguito dell'impegno a realizzare l'intera opera con risorse di Autocisa, poi disatteso con il decreto di approvazione del CIPE, le molte carenze delle valutazioni ambientali che arrivano ad affermare che “nessuna incidenza negativa” è prevista, come se decine e decine di ettari di food valley devastati valessero nulla. Per arrivare a questi giorni, quando assistiamo (ed invitiamo i lettori a recarsi a Ronco Campocanneto a verificare direttamente) all'inizio dei lavori che stanno sconvolgendo il paesaggio agricolo della bassa, in mancanza di approvazione del progetto esecutivo e senza alcun cartello di cantiere che chiarisca chi sta facendo che cosa. Ancora una volta, il WWF denuncia come fretta e forzature continuino ad accompagnare questo progetto, che sempre di più appare dannoso per l'ambiente, inutile dal punto di vista dei trasporti ed esageratamente costoso sotto il profilo economico".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Paura a Cangelasio: esplosione ed incendio in un fienile e un'abitazione

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Allerta meteo arancione per temporali, temperature in picchiata

  • Coronavirus, a Parma zero decessi e zero contagi

Torna su
ParmaToday è in caricamento