Traversetolo, la Gilda difende l'insegnante indagata: 'Mai fatto ammissioni di reato'

La Gilda difende l'insegnante indagata per maltrattamenti con l'aggravante dell'odio razziale: "Smentiamo chi continua a sostenere che esistono prove di epiteti razzisti a carico di questa donna, che è stata sempre “portatrice sana di galateo” in tutte le scuole parmensi in cui da lustri insegna"

"La docente vittima delle pesanti accuse di maltrattamenti -si legge in una nota della Gilda insegnanti- bersagliata dalle gravi offese che tendono ad addebitarle addirittura l'odio razziale, per il tramite della Gilda degli Insegnanti di Parma, smentisce di aver fornito agli inquirenti ammissioni di reato, anche parziali, anzi respinge con forza tutti gli addebiti e si difenderà in tutti i modi e le sedi che l'ordinamento mette a disposizione.  La tesi della “parziale ammissione”, che in queste ore alcune  persone  stanno cercando di accreditare, per non meglio precisate finalità, è completamente destituita di fondamento. La Gilda degli Insegnanti di Parma, tramite il coordinatore provinciale Salvatore Pizzo, riservandosi ulteriori azioni, in questo difficile momento rimane al fianco della collega e della comunità scolastica di Traversetolo, vittima di tanto clamore e smentisce chi continua a sostenere che esistono prove di epiteti razzisti a carico di questa donna, che è stata sempre “portatrice sana di galateo” in tutte le scuole parmensi in cui da lustri insegna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico scontro frontale tra auto e furgone a Parola: muore un 37enne

  • Bollino antifascista, Pizzarotti sul ricorso al Tar: "Proponetelo tutti per un'Italia antifascista"

  • Muore bimbo di 18 mesi: madre accusata di omicidio preterintenzionale

  • "Columbus, lo stabilimento di Martorano chiuderà nei primi mesi del 2020: a rischio centinaia di posti"

  • Choc in centro: "I ragazzini delle baby gang si lanciano sotto ai bus in marcia"

  • Maltempo, perturbazione in arrivo: da giovedì neve a Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento