Ingegneria, consulenze illegittime: danno erariale per 3 milioni di euro

I dati dell'operazione sono stati illustrati questa mattina dal comandante provinciale della Guardia di Finanza Guido Geremia che ha anche ricordato la ricorrenza del 239esimo anniversario della Fondazione dell'Arma

Continuano le indagini della guardia di Finanza in ambito universitario. Sono 10 in tutto i docenti - della facoltà di Ingegneria - coinvolti nell'operazione "Magister" che ha portato all'accertamento per 5 di loro di un danno erariale pari a 3 milioni e 127 mila euro e al sequestro conservativo di 7 fabbricati e 9 terreni, con sanzioni amministrative per 10 milioni e 400 mila euro. Al centro dell'operazione ci sono le consulenze extra professionali, quelle svolte fuori dall'Ateneo, per cui è necessaria la comunicazione del docente all'Università e la conseguente autorizzazione da parte di quest'ultima.

Quando non c'è comunicazione o manca l'autorizzazione la norma che si applica è severa: una sanzione pari al 50% dell'incasso per il lavoro svolto che non colpisce solo il docente che ha prestato la consulenza ma anche il cliente. Il dato positivo è che l'ammontare della multa finisce nel fondo incentivante dell'Università stessa. Anche il Comune di Parma e la Provincia hanno rischiato di vedersi recapitare una sanzione di questo tipo, ma poiché i pagamenti non erano ancora stati effettuati le Fiamme Gialle hanno provveduto solo a bloccarli.

I dati dell'operazione sono stati illustrati questa mattina dal colonnello provinciale della Guardia di Finanza, Guido Geremia, che ha anche ricordato la ricorrenza del 239esimo anniversario della Fondazione dell'Arma celebrato senza festa pubblica, secondo le direttive del Governo. Un'occasione per illustrare anche i risultati delle operazioni concluse nei primi 5 mesi del 2013. In particolare sono stati scoperti 13 evasori totali e paratotali per un imponibile di 7 milioni 496 mila euro e sono stati effettuati 125 controlli fiscali che hanno portato all'accertamento di un'evasione pari a 12 milioni 535 mila euro.

Sono stati svolti anche controlli per la lotta al lavoro sommerso per cui su 29 interventi eseguiti sono state scoperte posizioni irregolari pari quasi al 70%. Mentre sono 151 i lavoratori in nero scoperti, di cui 85 stranieri. Continua anche la lotta alla pirateria audiovisiva-informatica, che ha visto la denuncia di 2 persone, e alla merce contraffatta che ha contato 575 sequestri.

"I dati sull'andamento provinciale sono in media con quelli riscontrati a livello nazionale - ha dichiarato il colonnello Geremia - anzi la provincia di Parma sotto alcuni aspetti risulta più virtuosa di altre. Tuttavia l'impegno del Corpo resta elevato nei confronti della tutela del cittadino e dello Stato. Inoltre in questo particolare momento storico si cerca di intervenire dove possibile per recuperare risorse da poter investire per i cittadini e per evitare sprechi non coerenti con il momento che stiamo vivendo".

INCARICHI ILLEGITTIMI IN UNIVERSITA': SEQUESTRO DI 1,5 MILIONI DI EURO A UN DIPENDENTE

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Rapina una donna in piazzale Pablo: 19enne gambiano lo insegue e lo fa arrestare

  • Coltellate sul Frecciarossa, sotto choc il parmigiano che ha difeso la donna: " Usata una cinta per fermare l'emorragia"

  • C'è un'altra Parma sotto terra

  • "L'ho sentita urlare e sono intervenuto. Così ho fermato lo scippatore"

  • Truffa del Postamat, la maxi indagine riguarda anche Parma

  • Chiamavano i clienti per offrirgli la droga: arrestati tre pusher

Torna su
ParmaToday è in caricamento