Barilla for Food: "Menu carnivoro? Come consumare 37 campi di tennis"

A fronte di un impatto sull'ambiente di 140 m2 a settimana di un menù vegetariano, se ne consumano 188 m2 per un menù che preveda carne una volta a giorno. Da domani il Barilla Center for Food & Nutrition posta gratuitamente sul sito www.barillacfn.com il nuovo magazine

A fronte di un impatto sull'ambiente di 140 m2 a settimana di un menù vegetariano, se ne consumano 188 m2 per un menù che preveda carne una volta a giorno. E' il risultato degli studi sull'impatto ambientale di tre menù molto frequenti (vegetariano, mediterraneo, a base di carne) presentati, in occasione della Giornata Mondiale dell'Alimentazione di domani, dal Barilla Center for Food & Nutrition. L'accento della Giornata è posto sui "Sistemi alimentari sostenibili per la sicurezza alimentare e la nutrizione" come richiamo all'opinione pubblica sull'impatto delle diete sull'ambiente per dimostrare che la malnutrizione si può combattere anche a partire da scelte alimentari più consapevoli.

I DATI. Menu vegetariano (senza carne e pesce nella settimana). Impronta ecologica: per persona 140 m2 a settimana, 7.280 m2 all'anno equivalenti a 27 campi da tennis. Menu mediterraneo (privilegia alimenti alla base della piramide alimentare, con carne e pesce due volte alla settimana). Impronta ecologica per persona 161 m2 a settimana, 8.370 m2 all'anno, equivalenti a 32 campi da tennis. Menu a base di carne (una volta al giorno tutti i giorni). Impronta Ecologica per persona 188 m2 a settimana, 9.780 m2 all'anno, equivalenti a 37 campi da tennis.

"Il legame tra ciò con cui ci nutriamo e l'ambiente in cui viviamo e' evidente - spiega Riccardo Valentini, membro dell'advisory board del Bcfn, premio Nobel per la Pace nel 2007 e direttore della Divisione impatti sul clima al Centro Euromediterraneo sui Cambiamenti Climatici - Le nostre scelte non devono riguardare solo un tipo di dieta ma comprendere anche ciò che sta dietro alla scelta del cibo. La sfida è comprendere le diverse sfaccettature del sistema alimentare e chiedersi cosa si possa fare per assumere comportamenti responsabili per il Pianeta. A partire da quello che decidiamo di mangiare".

La doppia piramide alimentare ambientale, modello elaborato dal Bcfn, indica l'impatto che ogni alimento ha a livello nutrizionale ma anche ambientale, considerate le modalità con cui viene trattato prima di arrivare sulla tavola o le necessità di cottura collegate al suo consumo, in termini di dispendio energetico e di risorse. La doppia piramide mostra che i cibi più sani sono anche quelli che hanno un impatto inferiore sull'ambiente, a impronta ecologica ridotta. Da domani il Barilla Center for Food & Nutrition posta gratuitamente sul sito www.barillacfn.com il nuovo magazine con contributi degli esperti per favorire un'alimentazione sana e sostenibile come Eve Andrews e Danielle Nierenberg, membro dell'Advisory Board Bcfn, Gabriele Riccardi e Riccardo Valentini, membri del Board, Alex Ranton, scrittore attivo su temi come la cultura del cibo, tra povertà e sviluppo, Silvia Alparone, giornalista esperta su temi di alimentazione e sanità.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Choc a Collecchio: muore a 12 anni per una malattia fulminante

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

Torna su
ParmaToday è in caricamento