Vende 'santini' a domicilio e deruba i negozianti: 43enne fermato e denunciato

Con questo stratagemma un uomo originario di Torino è riuscito a sottrarre merce e generi alimentari da alcuni negozi a Roccabianca: i carabinieri sono riusciti ad identificarlo

E' arrivato a Roccabianca con l'intento di rubare all'interno di alcuni negozi. Lo stratagemma che un ladro di 43 anni, proveniente dalla città di Torino, è curioso: si avvicinava ai negozianti proponendo la vendita a porta a porta di immagini sacre, in particolari di 'santini' della Madonna. Nel corso degli ultimi giorni il malvivente ha colpito in più occasioni: è infatti entrato all'interno di alcuni negozi e, dopo aver distratto i titolari proponendo l'acquisto di santini mariani, è riuscito a rubare alcuni generi alimentari ed altra merce. Le vittime del furto hanno avvertito i carabinieri, che dopo aver visionato le telecamere, sono riusciti ad identificare e fermare l'uomo. Le indagini si sono avvalse anche delle segnalazioni di alcuni cittadini, che avevano notato il 43enne nei pressi delle loro abitazioni. Per lui una denuncia per furto aggravato e continuato, oltre ad un foglio di via obbligatorio dal comune di Roccabianca. 

Potrebbe interessarti

  • Piscine interrate: costi e tempi per averne una nel proprio giardino

  • E' vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Ma come ti vesti... a un matrimonio estivo? Ecco tutti i consigli

  • Verità e falsi miti sui rimedi anti medusa

I più letti della settimana

  • Chiesi, 4 lettere di licenziamento: parte lo stato di agitazione

  • Neonato di 8 mesi si ustiona in Autogrill: è grave al Maggiore

  • Ecco le baby gang che tengono in ostaggio il centro: "Giovanissimi tra alcol, droga e risse violente"

  • Roncole Verdi: motociclista 57enne cade sull'asfalto e muore

  • Metalmeccanici, il 14 giugno è sciopero generale: lavoratori di Parma alla manifestazione di Firenze

  • Studenti di Chimica dell’Ateneo di Parma scoprono un nuovo polimorfo cristallino della proteina PCNA umana

Torna su
ParmaToday è in caricamento