Chiesi Farmaceutici cambia lo statuto in “Società Benefit”

Il percorso di Chiesi non si limita all’Headquarters italiano ma abbraccia altre filiali a livello globale

  Chiesi, Gruppo farmaceutico internazionale focalizzato sulla ricerca (Gruppo Chiesi), annuncia, a margine di una conferenza aperta alla popolazione aziendale, di avere modificato il proprio statuto diventando una Società Benefit, scegliendo quindi di adottare un nuovo modello reso disponibile dalla Legge italiana (208/2015).

La Società Benefit è una nuova forma giuridica d’impresa che rappresenta un cambio di paradigma. È stata introdotta nel 2010 come Benefit Corporation negli USA e ora è in fase di diffusione in vari Paesi del mondo. L’Italia è stato il primo paese al di fuori degli Stati Uniti ad avere introdotto questo modello nel gennaio 2016.  

La Società Benefit rappresenta un passo in avanti in quanto cambia il concetto stesso di azienda, perché ne ridefinisce lo scopo. Mentre le società tradizionali esistono con l’obiettivo prevalente di distribuire dividendi agli azionisti, le società benefit sono espressione di una visione più evoluta e integrano nel proprio oggetto sociale una duplice finalità: oltre agli obiettivi di profitto perseguono lo scopo di avere un impatto positivo sulla società e sull’ambiente, e si impegnano a creare valore non solo per gli azionisti ma anche per gli altri portatori d’interesse. Una Società Benefit rappresenta un nuovo strumento legale che crea una solida base per l’allineamento e la protezione della missione nel lungo termine e la creazione di valore condiviso.

Quello di Chiesi è un percorso globale. Infatti la filiale americana del Gruppo, Chiesi USA, grazie alla disponibilità della legge, è diventata anch’essa una Benefit Corporation e altre filiali come Brasile, Regno Unito, Germania, Spagna, Olanda e Francia, pur non disponendo della legge, hanno previsto un’integrazione statutaria ad hoc, con l’esplicitazione delle finalità di impatto sociale e ambientale.

“Da quando l’Italia ha introdotto le società benefit, più di 300 imprese hanno deciso di adottare questo modello. Chiesi Farmaceutici si unisce a questo gruppo di apripista diventandone un esponente di rilievo, grazie alla rilevanza del business e del proprio impatto positivo. La scelta di diffondere l’integrazione della finalità di interesse sociale e ambientale alle filiali estere ne fa un caso per ora unico e sono sicuro che sarà presto emulato da altre imprese” ha commentato Paolo Di Cesare, co-fondatore di Nativa, country partner di B Lab, l’organizzazione internazionale che diffonde il modello Benefit nel mondo.

 “Questa trasformazione è una tappa importante di un percorso di evoluzione continua: vogliamo sempre più agire come una forza positiva, promuovere un modo consapevole e diverso di fare business e avere un impatto positivo sulla società e sulla natura, per contribuire a uno sviluppo veramente sostenibile”, spiega Alberto Chiesi, Presidente Chiesi Farmaceutici. “Con questa scelta, coerente con i nostri 84 anni di storia, Chiesi Farmaceutici adotta un modello che ci auguriamo venga compreso e fatto proprio da molte altre aziende, per contribuire assieme ad affrontare le grandi sfide del nostro tempo che anche le Nazioni Unite hanno voluto promuovere con i 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile”.  

Potrebbe interessarti

  • Parma, tappa per BlaBlaBus: si viaggia in tutta Europa

  • Morso del ragno violino: cosa fare

  • Bere alcolici fa male: il vero sballo è dire no

  • Come pulire e igienizzarei bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tragico schianto in moto contro l'ambulanza, il fidanzato muore: 27enne di Parma in prognosi riservata

  • Tragedia a Colorno: ciclista 54enne cade sull'Asolana e muore

  • Paura per due sorelle di 13 e 12 anni, escono di casa e non rientrano per la notte: trovate dalla polizia

  • Incidente in piscina: la 12enne parmigiana è morta

  • Fidenza, consulente finanziaria accusata di irregolarità: blitz della Finanza

  • I banditi assaltano nella notte una villa di Sorbolo, bottino di migliaia di euro: rubate pistole e fucili

Torna su
ParmaToday è in caricamento