Iqos, l’innovativo progetto di philip morris international per “un futuro senza fumo” annuncia il suo arrivo a parma

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Sostituire le sigarette con prodotti senza fumo: questo l’obiettivo rimarcato durante l’evento che ieri, martedì 25 giugno 2019, ha annunciato l’arrivo di IQOS nella città di Parma. Philip Morris sta guidando una radicale trasformazione del mondo del tabacco con l’obiettivo di costruire un futuro senza fumo, sostituendo le sigarette con prodotti alternativi senza combustione anche a beneficio dei circa 33 mila fumatori di Parma . “In meno di cinque anni sono oltre 10 milioni in 47 Paesi dove siamo presenti i fumatori che sono passati ad IQOS. Di questi, circa il 70% ha smesso completamente di fumare sigarette tradizionali”, spiega Daniel Cuevas, Head of RRP Development in Philip Morris Italia. “È indubbio che non iniziare e smettere siano le soluzioni migliori. Tuttavia solo una persona su dieci dichiara di voler smettere di fumare. Per coloro che non vogliono smettere, i prodotti alternativi, tra cui IQOS, rappresentano una valida alternativa come recentemente riconosciuto dalla FDA americana che ne ha autorizzato la vendita negli Stati Uniti”. IQOS è il dispositivo di Philip Morris International che scalda degli appositi stick di tabacco grazie a una lamina che agisce a temperatura controllata, evitando la combustione. Il riscaldamento del tabacco permette il rilascio di nicotina, che pur essendo una sostanza additiva e non priva di rischi, non è la principale causa delle malattie fumo correlate, consentendo così al fumatore adulto che altrimenti continuerebbe a fumare ad abbandonare completamente le sigarette. L’evento di lancio in città ha visto un live esclusivo della Giuliano Palma Orchestra, che da sempre si caratterizza per il suo stile originale che unisce generi diversi, dallo ska al rocksteady, dal reggae al soul.

Torna su
ParmaToday è in caricamento