Iren, il Cda approva il bilancio: 919 milioni di euro di ricavi

Nei primi tre mesi del 2015 i principali indicatori economici e finanziari del Gruppo registrano un andamento positivo. A tale risultato contribuiscono tutte le aree di business confermando il buon mix del portafoglio di attività di Iren

Nei primi tre mesi del 2015 i principali indicatori economici e finanziari del Gruppo registrano un andamento positivo. A tale risultato contribuiscono tutte le aree di business confermando il buon mix del portafoglio di attività di Iren. 

Ricavi a 919,1 milioni di euro (903,1 milioni di euro al 31/03/2014); Margine Operativo Lordo (Ebitda) a 211,4 milioni di euro (203,3 milioni di euro al 31/03/2014; Risultato Operativo (Ebit) pari a 133,2 milioni di euro (128,7 milioni di euro al 31/03/2014); Utile netto pari a 58,6 milioni di euro (51,3 milioni di euro al 31/03/2014); Indebitamento Finanziario Netto pari a 2.172 milioni di euro in netto calo (-114 milioni di euro) rispetto al 31 dicembre 2014.

Il Consiglio di Amministrazione di IREN S.p.A. ha approvato in data odierna i risultati consolidati al 31 marzo 2015. “Il 2015 si è aperto in maniera positiva per il Gruppo grazie al contributo sia dei settori regolati che di quelli non regolati. Entrambi beneficiano delle attività di ricerca della massima efficienza che hanno caratterizzato gli ultimi mesi della vita aziendale - ha dichiarato il Presidente Francesco Profumo, a nome del Consiglio di Amministrazione, che poi ha aggiunto – In tale quadro si inserisce il piano per l’assunzione di duecento giovani talenti, che si concluderà entro il 2017 e porterà all’interno del Gruppo quelle competenze e quella freschezza necessarie per raccogliere con successo le sfide future.”

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“I risultati gestionali positivi dei primi tre mesi del 2015 assumono ancora maggior rilievo - ha sottolineato Massimiliano Bianco, Amministratore Delegato del Gruppo – se si tiene conto che il primo trimestre del 2014 era stato caratterizzato da una plusvalenza non ricorrente superiore ai dieci milioni di euro. Tali performance sono frutto anche delle azioni di snellimento gestionale già poste in essere e sulle quali si innesta il processo di integrazione, già avviato anche con AMIAT S.p.A, che riguarderà tutte le nostre attività e porterà al conseguimento di importanti sinergie. Il pieno dispiegarsi del potenziale del Gruppo – in termini di profittabilità e sviluppo – sarà compiutamente declinato nel piano industriale al quale stiamo intensamente lavorando e che sarà illustrato al mercato entro il prossimo giugno.”

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuovo focolaio nella Bassa: 33 lavoratori contagiati

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Coronavirus, a Parma 13 nuovi casi: 9 sono i lavoratori della cooperativa

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

  • Coronavirus: tutti gli aggiornamenti sul nuovo focolaio nella Bassa parmense

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

Torna su
ParmaToday è in caricamento