Parma: i risparmiatori guardano alle opportunità del post Covid

Alessandro Mauri (Banca Generali Private): “Durante la crisi a Parma sono aumentati i depositi su conto corrente. Oggi si può guardare a nuove opportunità per liberarsi dall’eccesso di liquidità puntando su decorrelazione e diversificazione”

Parma prova a ripartire lasciandosi la pandemia alle spalle e facendo i conti su una ripresa economica che non può che essere sorretta dal risparmio privato. Nei mesi passati, infatti, il crollo dei mercati aveva spinto i parmigiani a liberarsi dai propri investimenti per accumulare risparmi sui conti correnti, nel timore che questi possano servire qualora la situazione torni ad aggravarsi.  

Gli esperti, però, vedono interessanti opportunità all’orizzonte anche per chi, come i risparmiatori di Parma e provincia, è tradizionalmente attento alle proprie scelte di investimento.

Parma: salgono i depositi sui conti correnti

Le ultime rilevazioni pubblicate da Bankitalia evidenziano come, nel solo mese di marzo 2020 – ovvero nel momento clou della pandemia – gli italiani abbiano versato sui conti correnti la bellezza di 16,8 miliardi di euro: un dato impressionante che fa segnare un incremento del 254% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. E tra i risparmiatori più prudenti ci sono stati proprio i baresi, già tradizionalmente molto oculati nella gestione dei propri soldi.  

I timori generati dal virus e l’incertezza sotto il profilo economico hanno spinto i risparmiatori di Parma a ricercare rifugio nella liquidità su conto corrente” – commenta Alessandro Mauri, Area Manager di Banca Generali Private in Emilia-Romagna, che aggiunge – “oggi, però, i mercati hanno già recuperato quasi tutto il terreno perduto e all’orizzonte si stanno presentando interessanti opportunità di investimento che possono rappresentare un’occasione anche i risparmiatori dal profilo di rischio più prudente”.

Investire a lungo termine

Ma quali sono gli strumenti giusti per investire in questo momento? Gli esperti sembrano avere le idee chiare: serve puntare su decorrelazione e diversificazione così da mantenere un approccio protettivo che consenta comunque di raggiungere rendimenti nel lungo periodo.

In questa fase è ancora opportuno puntare su un approccio orientato alla prudenza. Per questo motivo può essere interessante guardare a quelle soluzioni maggiormente decorrelate dall’andamento dei mercati ma che al tempo stesso riescono ad offrire rendimenti alternativi e allettanti. Mi riferisco in particolare all’universo delle gestioni tradizionali e di tutti quegli strumenti orientati al sostegno dell’economia reale.” conferma Mauri.

Nonostante la fase acuta dell’emergenza sanitaria sembri finalmente alle spalle, infatti, il contesto generale rimane ancora ricco d'incognite. Le analisi di Confindustria stimano un contraccolpo per il Pil italiano tra l’8 e il 12% nel 2020. Una scenario fortemente negativo che sembra interessare anche il resto d’Europa e gli Stati Uniti, come evidenziano le previsioni a livello internazionale.

Gli strumenti su cui puntare

Le opportunità, quindi, sembrano non mancare ma è bene scegliere con attenzione gli strumenti su cui puntare. Nelle ultime settimane, i più attenti operatori finanziari stanno rimodulando la propria proposta per venire incontro al nuovo contesto con soluzioni ad hoc per i risparmiatori. In questo senso, si registra un forte aumento di proposte di contenitori gestiti, assicurativi e finanziari, con portafogli modello che prospettano rendimenti a 3 e 5 anni, ovvero in un arco di tempo in cui ragionevolmente i risparmi possono essere tenuti al sicuro senza che le famiglie entrino in crisi di liquidità. Un altro strumento adatto al rinnovato contesto è rappresentato dagli investimenti progressivi (piani di accumulo) che consentono di entrare sui mercati gradualmente nel tempo, mitigando così sia il livello di rischio che quello dei prezzi. Un’altra opportunità di diversificazione, storicamente molto amata dai parmigiani, è rappresentata poi dalla classica gestione separata e dagli investimenti assicurativi tradizionali di ramo primo. Infine, un ulteriore passo avanti nelle proposte di rendimenti interessanti a medio periodo è offerto da quelle a supporto delle imprese e del sistema: un tema che sta molto a cuore ai parmigiani e la cui richiesta è fortemente aumentata durante i mesi di pandemia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La crisi ha sviluppato nei risparmiatori parmigiani la consapevolezza del ruolo che, attraverso i propri risparmi, possono svolgere nel grande piano di rilancio dell’economia reale e del nostro Paese. Per questo motivo credo che strumenti come le cartolarizzazioni o i prodotti illiquidi, se declinati con le giuste coperture, possono rappresentare una scelta vincente per coniugare benefici all’investitore e a quelli per l’economia” conclude Mauri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Choc a Collecchio: muore a 12 anni per una malattia fulminante

  • La finalista parmigiana dell'ultima edizione di MasterChef Italia Marisa Maffeo ricevuta dall'assessore Casa

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

Torna su
ParmaToday è in caricamento