Cinema, "Il Gioiellino" sbarca in città: tiepida reazione dei parmigiani

Ieri la prima del film di Andrea Molaioli con Toni Servillo e Remo Girone che ripercorre le vicende della Parmalat, dall'ascesa di Calisto Tanzi e dei suoi uomini di fiducia, fino al tracollo internazionale

Tiepida reazione dei parmigiani alla prima de "Il Gioiellino", il film di Andrea Molaioli con Toni Servillo, Remo Girone e Sarah Felberbaum, che ripercorre le vicende della Parmalat, dall'ascesa di Calisto Tanzi e dei suoi uomini di fiducia, fino al tracollo internazionale. Ovviamente l'azienda di Collecchio e il suo ex patron non vengono mai citati in modo esplicito, ma il film in pratica narra la storia di Parmalat.

Abbiamo incontrato diversi parmigiani all'uscita dal Cinecity per conoscere il loro parere sulla pellicola. Non c'è stata l'affluenza che ci si aspettava e non abbiamo raccolto nessun commento particolarmente positivo. Opinioni, però, neanche troppo negative. Una tiepida risposta, insomma, che al confronto con le attese, suona come una sconfitta per il lavoro di Molaioli. Non per le interpretazioni (in molti hanno sottolineato la bravura di Servillo e Girone), ma per quello che viene rappresentato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

LA TRAMA
La Leda è una delle maggiori aziende agro-alimentari del Paese: ramificata nei cinque continenti, quotata in Borsa, in continua espansione verso nuovi mercati e nuovi settori. Quello che si dice un gioiellino. Il suo fondatore, Amanzio Rastelli, padre padrone dell'azienda, ha messo ai posti di comando i suoi parenti più stretti: il figlio, la nipote, più alcuni manager di provata fiducia - malgrado i loro studi si fermino al diploma in ragioneria. Un management inadeguato ad affrontare le sfide che il mercato richiede a Leda. E infatti il gruppo s'indebita. Sempre di più. Non basta falsificare i bilanci, gonfiare le vendite, chiedere appoggio ai politici, accollare il rischio sui risparmiatori attraverso operazioni di finanza creativa sempre più ardite. La voragine è diventata troppo grande e si prepara a inghiottire tutto.

TUTTI GLI ARTCOLI SUL CASO PARMALAT

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Choc a Bedonia, lite per un muretto: 63enne uccide il vicino di casa 70enne fracassandogli il cranio

  • Calabria, Pizzarotti sullo spot che attacca il Nord: "Non dirò mai venite a Parma paragonandola ad altre città"

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Maxi evasione dell'Iva: la Finanza sequestra 12 milioni di euro a due cooperative del gruppo Taddei

  • Saluto romano al banchetto di Fratelli d'Italia, Pizzarotti: "Non passerete mai"

Torna su
ParmaToday è in caricamento