diva#1 - francesca cuzzoni e il suo tempo

Presso l' Ape Museo in Via Farini 32/a, i prossimi 23 e 24 novembre avrà luogo la prima edizione della rassegna Diva, un progetto curato da Simonetta Checchia e Maurizio Cadossi per l’Associazione Numeriprimi.

La rassegna, nata per celebrare ogni anno un’eccellenza femminile, sarà inaugurata dalla figura di una nota cantante nostrana, Francesca Cuzzoni. Anche nota con il doppio cognome Cuzzoni Sandoni, e soprannominata, da giovane, La Parmigiana (Parma, 2 aprile 1696 – Bologna, 19 giugno 1778), fu una delle più grandi cantanti e interpreti del XVIII secolo. La carriera della Cuzzoni si svolse quando nel mondo dell'opera dominavano i castrati: ella fu quindi una delle prime cantanti donne a raggiungere la fama.

Tre appuntamenti dunque a celebrarla.

Ad aprire le danze l’incontro “Francesca Cuzzoni e il suo tempo: una mattinata per approfondire”, a cura dell’Istituto di Musicologia dell’Università di Parma.

La mattina del 23 novembre, dalle ore 10, il pubblico potrà conoscere la figura della famosa cantante attraverso le parole di tre studiosi. Si comincerà con l’intervento a due voci del Prof. Marco Capra insieme con la Dott. ssa Raffaella Carluccio “La meraviglia in scena: l'opera a Parma in epoca barocca". Successivamente, la Dott. ssa Eleonora Carapella ci erudirà su “Francesca Cuzzoni, la Parmigiana: vita e ruoli da star nel teatro musicale del Settecento”.

La sera, alle ore 21, si potrà assistere a “Diva contro Diva: storia di una rivalità”, a cura della compagnia Numeriprimi, uno spettacolo che trae spunto dal mondo della musica nel ‘700 e dalle sue primedonne.
Qui in particolare si parlerà di uno tra gli antagonismi più noti dell’ epoca: quello tra Francesca Cuzzoni e Faustina Bordoni, per la regia di Fabrizio Croci. In scena le attrici Silvia Santospirito e Noa Zatta, insieme con Enzo Vanarelli, Antonio Buccarello e il violino di Maurizio Cadossi a rievocare “quella famosa litigata sul palco” e parlarci di due strepitose interpreti.

Il 24 novembre alle ore 18 in scena “Concerto per Francesca”, un concerto dedicato alla musica dell’epoca attraverso l’esecuzione di brani assolutamente inediti, presentati in anteprima per la rassegna, insieme ad un cd dedicato, da un’ ensemble musicale di tutto rispetto coordinato dal Maestro Maurizio Cadossi: Lucia Cortese, soprano, Aki Takahashi, violino, Marco Calderara, viola, Pietro Trevisiol, violoncello, Marco Angilella, violone, Chiara Arlati, clavicembalo e lo stesso Cadossi al violino.
A corollario del concerto, per immergere il pubblico completamente nell'atmosfera del periodo in questione, tra il pubblico saranno sparsi figuranti in abiti d’epoca, coordinati da Amelia Barone.
Presenterà l’attrice Noa Zatta e la danzatrice Annalisa Celentano commenterà coreuticamente alcuni momenti musicali. Il coordinamento registico del concerto sarà a cura di Simonetta Checchia.

Diva è realizzato con la collaborazione e grazie al contributo di Fondazione Monte Parma, in collaborazione con l' Istituto di Musicologia dell' Università di Parma, la Compagnia Teatrale Numeriprimi e Opheliasflower Productions, e con il patrocinio del Comune di Parma.

Ingresso a cappello con prenotazione obbligatoria.
Si prega di prenotare contattando il seguenti numeri telefonici: 0521 2034 0521/2034, o scrivendo una mail a: info@fondazionemonteparma.it.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Parma 2020 in 48 ore: un itinerario nei luoghi imperdibili della Capitale Italiana della Cultura

    • dal 15 gennaio al 30 settembre 2020
    • Location varie
  • 'Vincent Van Gogh Multimedia & Friends': dal 31 gennaio al 26 aprile

    • dal 31 gennaio al 26 aprile 2020
    • Palazzo Dalla Rosa Prati
  • La musica che fa la storia: inizia la stagione al Campus Industry

    • dal 27 settembre 2019 al 16 maggio 2020
    • Campus Industry Music
  • Time Machine - Vedere e sperimentare il tempo

    • dal 13 gennaio al 3 maggio 2020
    • Palazzo del Governatore
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ParmaToday è in caricamento