i bambini italiani tra i più grassi d’europa. al sud il 35% dei bambini è obeso o in sovrappeso

Al via in una scuola di Parma il progetto di educazione alimentare e sportiva ‘Il buongiorno si vede dal mattino’, promosso dal biscottificio Di Leo Appuntamento lunedì 3 giugno nella scuola primaria ‘Racagni’

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Il rischio di sovrappeso e obesità è maggiore nei bambini che non fanno abitualmente la prima colazione; eppure, in Italia, l’8% dei bambini la salta e il 33% la fa in modo inadeguato. Nonostante la nostra nazione sia la culla della dieta mediterranea, i bambini italiani sono tra i più grassi d’Europa con il 21% di obesi o in sovrappeso (Childhood Obesity Surveillance Initiative (2015-17) dell’Organizzazione Mondiale della Sanità). Accanto al nucleo familiare, la scuola ha un ruolo fondamentale per contrastare questa tendenza, così che numerosi istituti scolastici hanno ospitato anche quest’anno il progetto di educazione alimentare e sportiva "Il buongiorno si vede dal mattino" giunto alla IX edizione e promosso da Di Leo Pietro Spa di Matera, impegnata nella produzione di prodotti da forno. Partito dalla Puglia e dalla Basilicata, "Il buongiorno si vede dal mattino" raggiungerà, quest’anno, anche una scuola di Parma. Il progetto farà la sua prima tappa a Parma lunedì 3 giugno: alle 9.30 appuntamento alla scuola primara ‘Racagni’ (Via Bocchi, 33). Attraverso il racconto di una favola la nutrizionista Claudia Conti, supportata da slide creative e divertenti e in maniera interattiva, avrà il compito di trasmettere ai più piccoli i principi di una sana alimentazione, a partire da una corretta colazione, abbinata all’attività fisica. Per invogliare i bambini alla pratica sportiva sarà presente anche un testimonial, Tobia Bocchi, atleta parmense nella specialità salto triplo. «L’obesità infantile – spiega il Cavaliere del Lavoro Pietro Di Leo, amministratore unico della Di Leo Pietro SPA - è un fenomeno allarmante, che va contrastato a partire dalla scuola. L’educazione alimentare, abbinata a una corretta attività fisica, è uno dei pilastri dell’educazione alla salute: acquisire corrette abitudini a tavola fin dall’infanzia è fondamentale per gettare le basi di un futuro stile di vita sano, mirato al benessere fisico, psichico e sociale. Riteniamo sia doveroso stimolare le nuove generazioni a una maggiore consapevolezza dell’importanza di una alimentazione sana e bilanciata a partire dal pasto più importante della giornata, la prima colazione». La tappa di Parma chiude l’edizione 2019 del progetto di educazione alimentare e sportiva ‘Il buongiorno si vede dal mattino’ che ha visto la partecipazione di oltre venti istituti scolastici.

Torna su
ParmaToday è in caricamento