i colori del mediterraneo - musiche e danze tradizionali della grecia

La musica tradizionale greca affonda le radici nell'antichità e nelle tradizioni bizantine; nella sua forma attuale risente anche della graduale influenza delle culture vicine, in particolare quelle slava e turca. L'esito è costituito da sonorità che hanno dentro la magia abbacinante del Mediterraneo e l'ebbrezza policroma dei Balcani. Sirtos è certamente uno dei migliori ensemble tradizionali europei che ben ha assimilato questo patrimonio tradizionale, rivitalizzandolo e riproponendolo in una forma fresca e attuale. Il repertorio attinge alla musica tradizionale greca, con particolare riferimento a temi ed arie delle isole, luoghi più aperti alle influenze asiatiche. Gli arrangiamenti rispettano i canoni tradizionali e le esecuzioni accolgono un'ampia gamma di strumenti, tra i quali spicca il bouzouki, strumento principe che richiede estremo virtuosismo. I loro concerti alternano struggenti ballate a ritmi travolgenti, in una sequenza di brani tradizionali ed originali. Nel corso delle loro applauditissime esibizioni vengono interpretati anche balli tradizionali e la classica danza moderna, il Sirtaki. Katalin Juhasz, Voce, Violino, Baglama Andreas Lehoudis, Voce, Bouzouki, Percussioni, Dzorauto, Laouto Etelka Pallai, Fisarmonica, Kaval, Chitarra, Flauto Zsuzsanna Bacsay, Basso, Violoncello Peter Paszti, Percussioni e Danza

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • La musica che fa la storia: inizia la stagione al Campus Industry

    • dal 27 settembre 2019 al 16 maggio 2020
    • Campus Industry Music
  • 'Carosello. Pubblicità e Televisione 1957-1977': al via la mostra alla Magnani Rocca

    • dal 7 settembre al 8 dicembre 2019
    • Fondazione Magnani Rocca
  • " da lennon a battisti .... & gli altri "

    • Gratis
    • 7 dicembre 2019
    • TEATRO CRYSTAL
  • Nek al Regio: verso il tutto esaurito

    • 11 dicembre 2019
    • Teatro Regio
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ParmaToday è in caricamento