"Milite ignoto - quindicidiciotto" con Mario Perrotta - sabato 20 febbraio Teatro di Ragazzola‏

L'umanissima e delicatissima dedizione al narrare di Mario Perrotta ha plasmato un ennesimo cammeo rendendo vocalmente poetici e premurosi vari corpo a corpo in uno scenario di fango, sangue, carne, bagliori e fetori di “poar crist” nelle trincee della prima guerra mondiale. E’ unanime la critica teatrale nel riconoscere la grandezza del lavoro di Perrotta, che torna al teatro di Ragazzola con il nuovo spettacolo "Milite ignoto - quindicidiciotto"  sabato 20 febbraio alle ore 21.15. Tratto da “Avanti sempre” di Nicola Maranesi e dal progetto “La Grande Guerra, i diari raccontano” a cura di Pier Vittorio Buffa e Nicola Maranesi, lo spettacolo racconta l'esperienza del conflitto, esperienza umana e politica, prima ancora che militare, attraverso una doppia, straordinaria invenzione: da un lato crea una lingua, un particolare impasto di dialetti, veneto, lombardo, toscano, napoletano, sardo, eco della molteplicità, del convergere di un popolo che si incontra per la prima volta in trincea, ma anche metafora di una perdita di identità nell'immane massacro. Dall'altro la usa per evocare percezioni in primo luogo sensoriali, l'impatto uditivo, olfattivo, tattile con la guerra da parte di contadini analfabeti. “Milite Ignoto” racconta il primo, vero momento di unità nazionale. È, infatti, nelle trincee di sangue e fango che gli italiani si sono conosciuti e ritrovati vicini per la prima volta: veneti e sardi, piemontesi e siciliani, pugliesi e lombardi accomunati dalla paura e dallo spaesamento per quell’evento più grande di loro. Spaesamento acuito dalla babele di dialetti che risuonavano in quelle trincee. Scrive l’autore: “Ho immaginato tutti i dialetti italiani uniti e mescolati in una lingua d’invenzione, una lingua che si facesse carne viva. Ho provato a cucire insieme nella stessa frase quanti più dialetti potevo, cercando le parole che consentissero passaggi morbidi o fratture violente. Ne è venuta fuori una lingua nuova che ha regalato allo spettacolo un suono sconosciuto ma poggiato sulle viscere profonde del nostro paese. Ho scelto questo titolo, Milite Ignoto, perché la prima guerra mondiale fu l'ultimo evento bellico dove il milite ebbe ancora un qualche valore anche nel suo agire solitario, mentre da quel conflitto in poi - anzi, già negli ultimi sviluppi dello stesso - il milite divenne, appunto, ignoto. E per ignoto ho voluto intendere "dimenticato": dimenticato in quanto essere umano che ha, appunto, un nome e un cognome. E una faccia, e una voce. Nella prima guerra mondiale, gradatamente, anche il nemico diventa ignoto, perché non ci sono più campi di battaglia per i "corpo a corpo", dove guardare negli occhi chi sta per colpirti a morte, ma ci sono trincee dalle quali partono proiettili e bombe anonime, senza un volto da maledire prima dell'ultimo respiro. E nuvole di gas che coprono ettari di terreno e radono al suolo interi battaglioni senza un lamento. E aerei che scaricano tonnellate di esplosivo dal cielo e navi che sparano cannonate a centinaia di metri di distanza. Uno sparare nel mucchio insomma, un conflitto spersonalizzato in cui gli esseri umani coinvolti sono semplici ingranaggi della macchina della storia, del meccanismo che li ingoia e li trasforma in cose. E proprio per questo - come sempre accade nel mio lavoro – sono andato controcorrente e ho rivolto la mia attenzione verso le piccole storie, verso gli sguardi e le parole di singoli uomini che hanno vissuto e descritto quegli eventi dal loro particolarissimo punto d’osservazione, perché questo è il compito del teatro, o almeno del mio teatro: esaltare le piccole storie per gettare altra luce sulla grande storia”. I biglietti di ingresso allo spettacolo, costo 15 euro, si possono prenotare al numero 339.5612798 oppure acquistare in prevendita presso il Parma Point in strada Garibaldi a Parma e presso l’edicola di Ragazzola e l’ortofrutta di Roccabianca. Per altre informazioni www.teatrodiragazzola.it.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Tutti Matti sotto Zero: dal 25 dicembre al 6 gennaio

    • dal 25 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Parco Cittadella

I più visti

  • Ecco i mercatini di Natale in via d'Azeglio

    • solo domani
    • 15 dicembre 2019
  • La musica che fa la storia: inizia la stagione al Campus Industry

    • dal 27 settembre 2019 al 16 maggio 2020
    • Campus Industry Music
  • Tutti Matti sotto Zero: dal 25 dicembre al 6 gennaio

    • dal 25 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Parco Cittadella
  • a parma il natale si tinge di vinile

    • oggi e domani
    • dal 14 al 15 dicembre 2019
    • Circolo Ricreativo Dipendenti Comunali
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ParmaToday è in caricamento