Partito il progetto City Camp: giornate anche al Museo d’Arte Cinese

Appuntamento ogni mercoledì dalle 11 alle 13: dal 24 giugno al 29 luglio e il 26 agosto per i bambini dalla prima alla terza elementare. L’8 luglio per i ragazzi delle medie

 Con l’estate è partito il progetto educativo Parma 2020+21 City Camp. Esperienze e attività ricreative in città e in provincia alla scoperta di luoghi rappresentativi della nostra città e dei territori della nostra provincia per far ritrovare a bambini e ragazzi la socialità perduta nei mesi scorsi e dare un supporto alle famiglie che si stanno avviando a riprende ritmi lavorativi normali. Al centro: cultura, attività ricreative, sostenibilità e solidarietà nel rispetto di tutti i protocolli a tutela della loro sicurezza e salute.

Non poteva mancare all’appello il Museo d’Arte Cinese ed Etnografico di Viale San Martino 8 che ieri – mercoledì 24 giugno - ha spalancato le sue porte a un gruppo delle elementari, curioso di scoprire un mondo, fatto di somiglianze e diversità con altre culture. Creati due sottogruppi, i bambini dapprima hanno visitato la collezione che ha fatto loro conoscere il popolo amazzonico dei Kayapò, i Lega del Congo e la cultura cinese, quindi hanno ritagliato, colorato e incollato sagome di bambini, animali e abitazioni dei diversi popoli appena scoperti, per dare vita al proprio villaggio globale, fatto appunto di differenze e uguaglianze rispetto alle molteplici culture “incontrate”.

E ogni mercoledì dalle 11 alle 13 il Museo accoglierà i bambini dalla prima alla terza elementare fino al 29 luglio (e il 26 agosto) mentre l’8 luglio i ragazzi delle medie.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I piccoli visitatori avranno l’occasione di allargare lo sguardo dal microcosmo della città alla complessità del mondo e riflettere sulle popolazioni che lo abitano. Promossa dalla cooperativa sociale Emc2 la tappa al Museo, seguendo l’iter di ieri, prevede per i giovani “esploratori” una passeggiata tra le sale passando dal popolo amazzonico dei Kayapò fino ad arrivare alle lanterne e ai pregiati tessuti cinesi, passando per le tradizioni del popolo africano Lega: un percorso ricco di meraviglia, dove imparare usanze di mondi lontani divertendosi, perché alla fine del percorso seguirà un laboratorio manuale sulle culture conosciute durante la visita e sul concetto di varietà del mondo, sinonimo di ricchezza umana. Ogni laboratorio avrà la medesima tematica e sarà veicolata in base alle fasce d’età.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in arrivo un nuovo Dpcm: le misure dal 14 luglio

  • Choc a Collecchio: muore a 12 anni per una malattia fulminante

  • La finalista parmigiana dell'ultima edizione di MasterChef Italia Marisa Maffeo ricevuta dall'assessore Casa

  • Bollo auto, chi paga e chi no: le informazioni sulle esenzioni

  • Bimbo di 2 anni azzannato da un cane in via Po: è grave in ospedale

  • Fanno sesso in Pilotta e aggrediscono i poliziotti: due arresti

Torna su
ParmaToday è in caricamento