Settembre è il mese di Parma Unesco City of Gastronomy: tutti gli appuntamenti

Il 4 settembre torna la Cena dei Mille

Un programma di visite guidate alla scoperta di eccellenze come Parmigiano Reggiano DOP, Prosciutto di Parma DOP, pasta e pomodoro, conserve ittiche e prodotti lattiero caseari. Una cena sotto le stelle, per 1.000 persone, con la partecipazione straordinaria di due chef stellati come Carlo Cracco e Massimo Spigaroli. Serate itineranti alla scoperta dei giardini segreti di Parma, degustando prelibatezze locali e ascoltando buona musica. Per tutto il mese di settembre, Parma si candida a diventare il paradiso indiscusso dei foodie: lo fa attraverso il format “Settembre Gastronomico”, promosso dal Comune di Parma e dalla Fondazione Parma UNESCO City of Gastronomy, sotto la regia di Parma Alimentare e della associazione “Parma, io ci sto!”. L’evento, che si inserisce nella cornice di attività di Destinazione Emilia, rappresenta una nuova tappa in ordine di tempo di un percorso partito a dicembre 2015, con l’elezione di Parma a Città Creativa UNESCO della Gastronomia, e costellato da iniziative come - per fare alcuni esempi - la presentazione della Guida Michelin (nel 2016 e nel 2017), Cibus Off (spin-off di Cibus), e il City of Gastronomy Festival.

SETTEMBRE GASTRONOMICO: CONCEPT E OBIETTIVI

“Settembre Gastronomico” è un progetto corale, in cui il sistema agroalimentare parmense trova la sua migliore espressione. Si propone come esempio virtuoso di collaborazione tra Istituzioni cittadine e realtà a vario titolo impegnate nella promozione della cultura gastronomica locale, dai Consorzi di Tutela a numerose e importanti aziende alimentari, passando per associazioni e ristoratori. Attraverso un calendario di attività che copre l’intero mese di settembre, l’obiettivo è quello di valorizzare le eccellenze gastronomiche della Food Valley parmense e di promuovere il brand Parma come destinazione turistica foodie. Secondo il “Primo Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano” presentato a gennaio 2018 dall’Università degli Studi di Bergamo e dalla World Food Travel Association, con il patrocinio di Touring Club, Qualivita e Federculture, negli ultimi tre anni, un italiano su tre ha svolto almeno un viaggio motivato dall’enogastronomia: nel 2016, la percentuale era del 21% L’enogastronomia viene quindi sempre più vissuta come componente in grado di influenzare le scelte di viaggio. L’Emilia-Romagna, con il suo record europeo di certificazioni

DOP e IGP (44) è la quarta Regione italiana per attrattività, dopo Toscana, Sicilia e Puglia: è ben posizionata con ampi margini di crescita e miglioramento. Un’opportunità che Parma è pronta a cogliere, da capofila.

TESORI DELL’ENOGASTRONOMIA

Alla base del progetto “Settembre Gastronomico” c’è il tesoro di eccellenze gastronomiche che tutto il mondo riconosce a Parma. Gli esempi più ammirati sono le DOP Prosciutto di Parma e Parmigiano Reggiano, a cui fa da importante corollario l’industria lattiero-casearia: è infatti necessario un latte “speciale”, per caratteristiche organolettiche e sensoriali, perché il Re dei Formaggi possa prenderevita. La Food Valley parmense è anche il luogo di nascita di capolavori dell’arte salumiera come il, la Coppa di Parma IGP e il Salame Felino IGP. Non solo: il binomio tra Parma e pasta è ultracentenario e indissolubile, per la presenza di Barilla, il brand del settore più celebre nel mondo. Parma vanta poi una solida tradizione nella coltivazione dell’Oro Rosso, vale a dire del pomodoro da industria: le conserve alimentari prodotte nella città ducale (Mutti e Rodolfi) sono in assoluto tra le più rinomate. Tra le eccellenze locali, è poi impossibile non ricordare le conserve ittiche (Delicius Rizzoli, L’Isola d’Oro, Rizzoli Emanuelli, Zarotti), radicatesi con forza per effetto di dinamiche economiche e commerciali che risalgono al Medioevo, i prodotti lattiero- caseari con Parmalat e vini dalla struttura cordiale e piacevole come la Malvasia e il Rosso dei Colli di Parma.

EVENTO DALLA DIMENSIONE CULTURALE

Oltre alla durata - un mese intero di appuntamenti - a rendere unico “Settembre Gastronomico” è il fine culturale: a tutti i visitatori in arrivo a Parma verrà infatti offerta la possibilità non soltanto di assaggiare i prodotti simbolo del made-in-Parma agroalimentare ma anche di capire come queste eccellenze nascano, con un programma di visite nei prosciuttifici e caseifici, veri e propri “laboratori del gusto” dalla vocazione ancora artigianale e anche negli stabilimenti di alcune delle più importanti industrie food del territorio.

CENA DEI MILLE

Ad aprire idealmente “Settembre Gastronomico” sarà la suggestiva “Cena dei Mille”. Martedì 4 settembre il centro storico della città ducale si trasformerà in un ristorante gourmet sotto le stelle. Ad allietare i 1.000 ospiti attesi sarà un menu studiato dallo chef parmigiano stellato Massimo Spigaroli e dai ristoratori di Parma Quality Restaurants, l’associazione che riunisce la migliore espressione dell’alta cucina parmense. Alla serata parteciperanno anche alcuni chef in rappresentanza dell’associazione Chef To Chef, che riunisce i 50 migliori chef dell’Emilia-Romagna, accomunati dall’obiettivo di favorire l’evoluzione della gastronomia regionale e la sua affermazione a livello nazionale e internazionale: i piacentini Isa Mazzocchi e Filippo Chiappini Dattilo e i reggiani Gianni D’Amato e Andrea Vezzani. Guest chef sarà Carlo Cracco, che proporrà una sua creazione. La “Cena dei Mille” avrà uno scopo benefico, con fondi raccolti a favore dell’Emporio Solidale di Parma. Acquisto dal 2 agosto su: www.vivaticket.it e www.parmacityofgastronomy.it. Per info, è attivo
numero verde: 800.977925

GIARDINI GOURMET

Sfruttando la vocazione food di Parma, “Settembre Gastronomico” intende far conoscere al grande pubblico gli altri caratteri distintivi della città ducale: è il caso, ad esempio, della sua vocazione musicale, che trova una summa nelle figure di Giuseppe Verdi e Arturo Toscanini. O degli incantevoli giardini di cui Parma è disseminata. “Giardini Gourmet” è appunto un mix di buon cibo, musica e verde: ogni venerdì del mese di settembre (7, 14, 21 e 28), alcuni giardini esclusivi della città di Parma, normalmente non visitabili, saranno aperti al pubblico. Ogni serata avrà carattere itinerante: ci si sposterà tra vari spazi verdi - tra cui l’Orto Botanico dell’Università di Parma, il Giardino Pizzarotti, nel complesso dell’ex Convento di San Cristoforo, il Giardino Cortile del Palazzo Dalla Rosa Prati, le Serre '900 della Limonaia e della Violetta, nel Parco Ducale - ognuno dei quali caratterizzato
da una sua proposta gastronomica e musicale. Acquisto dal 2 agosto su: www.vivaticket.it e www.parmacityofgastronomy.it. Per info, è attivo
numero verde: 800.977925

UN VIAGGIO GOURMET LUNGO QUATTRO SETTIMANE

“Settembre Gastronomico” si propone come un viaggio alla scoperta dei tesori della Food Valley: dal Prosciutto di Parma DOP, con il suo Festival, in programma dall’1 al 9 settembre, al Re dei Formaggi, con la possibilità di visitare i caseifici di produzione del Parmigiano Reggiano DOP nel weekend del 29 e 30 settembre, passando per il pomodoro, con il Tomaca Fest dedicato all’Oro Rosso, e per la pasta, che sarà celebrata la settimana dal 17 al 23 settembre.

EVENTI FOOD LUNGO LA VIA EMILIA

“Settembre Gastronomico”, con la sua variegata offerta di iniziative, va ad arricchire il programma di eventi gastronomici previsti in Emilia-Romagna nel mese di settembre. Tra gli appuntamenti più significativi promossi da Destinazione Emilia figurano, in territorio reggiano, la “Passeggiata Gastronomica” in occasione della Festa della Giareda (Reggio Emilia, 4-9 settembre) e “Agripride” (Reggio Emilia, 29-30 settembre). Nel Piacentino, invece, da segnalare “Coppa d’Oro” e “Piacenza un mare di sapori” (Piacenza, 27-29 settembre) e “Valtidone Wine Festival” (dal 2 al 23 settembre, nei Comuni della Val Tidone).


L’Assessore al Turismo e responsabile del progetto UNESCO Cristiano Casa sintetizza così: "Settembre è tradizionalmente un mese ricco di eventi culturali e sociali a Parma: 'Settembre Gastronomico' va a impreziosire un tessuto già ricco, puntando su una grande eccellenza del territorio come il food. Eccellenza che ha permesso a Parma di essere la prima città italiana selezionata da UNESCO per il network delle Città Creative della Gastronomia. I punti di forza del progetto sono due: in primo luogo, la sua natura corale, perché a renderlo possibile è il coinvolgimento, al fianco del Comune, dei Consorzi di Tutela, di grandi player dell'industria alimentare e del mondo dell'ssociazionismo. In secondo luogo, 'Settembre Gastronomico' è un modo nuovo di raccontare il territorio, secondo la logica del turismo esperienziale: a parlare sono alcune grandi filiere alimentari, che, attraverso un
sistema di visite e open Day, si svelano ai foodie, spiegando perché soltanto a Parma siano possibili alcune produzioni. Eventi come la Cena dei Mille, all'insegna di quella convivialità che anche i grandi chef stanno riscoprendo, e come Giardini Gourmet possono poi contribuire a far conoscere Parma con un'ottica nuova"

Potrebbe interessarti

  • Piscine interrate: costi e tempi per averne una nel proprio giardino

  • E' vero che i farmaci generici sono uguali a quelli di marca?

  • Ma come ti vesti... a un matrimonio estivo? Ecco tutti i consigli

  • Verità e falsi miti sui rimedi anti medusa

I più letti della settimana

  • Chiesi, 4 lettere di licenziamento: parte lo stato di agitazione

  • Neonato di 8 mesi si ustiona in Autogrill: è grave al Maggiore

  • Ecco le baby gang che tengono in ostaggio il centro: "Giovanissimi tra alcol, droga e risse violente"

  • Roncole Verdi: motociclista 57enne cade sull'asfalto e muore

  • "Invasione di sciami di cimici pericolose in Emilia-Romagna"

  • Metalmeccanici, il 14 giugno è sciopero generale: lavoratori di Parma alla manifestazione di Firenze

Torna su
ParmaToday è in caricamento