Life Barbie: proseguono i lavori di riqualificazione fluviale sull’Enza

I Barbi -Barbus caninus e Barbus plebejus- tra maggio e luglio, risalgono i torrenti che abitano per ricercare ambienti con acqua basse e fondi ghiaiosi dove avviene la deposizione delle uova

Proseguono i lavori di riqualificazione fluviale sull’Enza, all’altezza di Montecchio Emilia, dove sono in corso degli interventi per ripristinare l’habitat e consentire, così,  ai pesci di svolgere il loro naturale ciclo di vita. E’ noto, infatti, che i Barbi (Barbus caninus e Barbus plebejus), tra maggio e luglio, risalgono i torrenti che abitano per ricercare ambienti con acqua basse e fondi ghiaiosi dove avviene la deposizione delle uova. Queste specie, in serio pericolo d’estinzione, vengono studiate nell’ambito del progetto Life Barbie. Proprio in questi giorni gli esperti hanno svolto un sopralluogo, con il monitor incaricato dalla Commissione Europea, per valutare lo stato di avanzamento dei lavori all’interno del sito “Fontanili di Gattatico e Fiume Enza” (SIC IT4030023).

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

All’uscita, organizzata dal professor Francesco Nonnis Marzano del Dipartimento di Scienze Chimiche, della Vita e della Sostenibilità Ambientale del Università di Parma – manager del progetto – hanno partecipato i rappresentati dei vari partner del Life Barbie. Il sopralluogo è stato guidato dal progettista e direttore dei lavori Ing. Roberto Zanzucchi. Presenti anche i rappresentanti dell’AIPO, gestori del tratto fluviale, con i quali è stata istituita una proficua collaborazione. Come previsto dal Life Barbie, su questo tratto del fiume Enza sono in corso interventi di riqualificazione mirati alla riconnessione fluviale di un tratto di circa 18 km con lo scopo di garantire la migrazione riproduttiva del barbo comune e di altre specie autoctone dell’ittiofauna protette a livello europeo. L’obiettivo è realizzare alcuni  “passaggi per pesci” del tipo bottom-ramp, di cui 5 sono stati completati ed uno in fase di realizzazione. Lo stato di avanzamento lavori è stato molto apprezzato dal monitor. L’efficienza dei lavori sarà valutata nel tempo con successivi monitoraggi. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz contro gli assembramenti: chiuso un locale in via Emilio Lepido

  • Trovato il corpo del 18enne parmigiano annegato in mare

  • Affittano una casa al mare ma la trovano occupata: coppia di Felino truffata via internet

  • Tragedia: 25enne muore in ospedale 18 mesi dopo l'incidente

  • Coronavirus, a Parma otto nuovi casi: nessun decesso in tutta la regione

  • Si tuffa in mare a Forte dei Marmi: 18enne parmigiano disperso in acqua

Torna su
ParmaToday è in caricamento