andronaco (forza civica) : "perplessità sul progetto kilometro verde"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

"Idee e progetti per creare boschi e migliorare l'ambiente sono sempre ben accetti, purchè fatti con criterio. Pensare di piantumare alberi a ridosso dell'autostrada creando una barriera per bloccare l'inquinamento mi sembra un "rimedio momentaneo" oltre che costoso, per due motivi: uno, perchè l'inquinamento sarà sempre prodotto dai mezzi che vi circolano ed in città arriverebbe ugualmente; due, perchè le piante, a distanza così ravvicinata a delle fonti inquinanti, si ammalerebbero nell'arco di poco tempo, ammenochè non vengano eseguiti i dovuti trattamenti che avrebbero costi elevati. Detto ciò sarebbe più opportuno che si creassero vere zone boschive dove la natura è più propensa ad ospitare gli alberi, cioè le montagne o le zone incolte, con la certezza quasi assoluta che il progetto avrebbe una realizzazione sicura. Esistono progetti già esistenti e molto validi per migliorare le condizioni climatiche, ad esempio, Legambiente ne ha uno denominato “Mosaico Verde”. Un progetto di riqualificazione del territorio, che prevede di piantare oltre 300.000 alberi e di tutelare 30.000 ettari di boschi esistenti in tutta Italia in zone incolte concesse dal demanio. Il Comune potrebbe concedere delle aree incolte per la creazioni di boschi, ovvero dei veri polmoni naturali." Così in una nota Pietro Andronaco, associazione culturale Forza Civica Parma

Torna su
ParmaToday è in caricamento