dl fiscale. dell’orco (m5s): presentato emendamento per aumento fondi per i ponti del po

Benefici in sicurezza e viabilità anche per l'Emilia-Romagna

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

“Più fondi per gli interventi di emergenza sui ponti stradali del Po” E’ quanto prevede un emendamento presentato al decreto fiscale dai deputati M5S Michele Dell’Orco e Alberto Zolezzi che chiedono di aumentare gli investimenti da 35 a 70 milioni di euro. “Il decreto fiscale –spiegano i deputati - prevedeva già 35 milioni per lo scopo ma è una cifra assolutamente insufficiente. I ponti sul Po di competenza provinciale sono tanti e le casse delle Province purtroppo suono vuote. La regione Lombardia con uno studio di qualche anno fa ne aveva contati 19, importati per la viabilità ordinaria, di cui molti di collegamento tra le Regioni e tutti con segnali di obsolescenza e necessità di interventi più o meno immediati. I fondi previsti dal decreto sono però una cifra irrisoria se pensiamo che, ad esempio, solo gli interventi urgenti sul ponte tra Casalmaggiore e Colorno, secondo le Province interessate di Parma e Cremona, necessitano di almeno 5 milioni di euro per mettere a posto le travi maggiormente ammalorate”. “Ci auguriamo però –aggiungono i pentastellati- che siano davvero interventi urgenti e fatti in sicurezza, altrimenti avremo buttato soldi che potevamo destinare a infrastrutture completamente nuove. In molti casi infatti si tratta di ponti che hanno davvero raggiunto la fine del loro ciclo di vita utile. Sempre parlando del ponte tra Casalmaggiore e Colorno ad esempio servirà certamente un nuovo ponte dal costo di circa di 60 milioni e gli interventi disposti in urgenza sono solo di tamponamento in attesa di questa nuova infrastruttura ma, se i tempi di realizzazione si protrarranno eccessivamente non solo avremo tolto fondi al nuovo ponte ma la situazione diventerà davvero preoccupante a livello di sicurezza e circolazione. Come Movimento 5 Stelle –concludono i deputati - non siamo sempre contro le nuove infrastrutture quando si tratta di interventi utili, chiediamo però a Governo e Province competenti di vigilare perché tutte le operazioni si svolgano in fretta, ma in trasparenza e sicurezza”.

Torna su
ParmaToday è in caricamento