Il “Giro della Padania” passa anche da Torrile

Sinistra Ecologia e Libertà: "E' solo propaganda politica. Sventoliamo il tricolore al passaggio dei ciclisti"

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Non pensavamo di dovere commentare oggi una manifestazione sportiva creata strumentalmente per affermare un’area territoriale che ha i confini dell’immaginario leghista.

La Federazione Ciclistica Italiana, ha infatti  organizzato dal 6 al 10 settembre una corsa a tappe denominata "Giro della Padania". Il  primo in classifica indosserà una maglia di colore verde.

La manifestazione  il “Giro della Padania” nata da un’ idea di Bossi  prende forma quest’anno con il suo primo giro, un’idea ridicola e inquietante al tempo stesso.

Ridicola perché con il suo itinerario vuole definire un’appartenenza diversa da quella italiana,  nel suo snodarsi per i territori di  6 regioni, l’ennesimo delirio secessionista della Lega insomma.

Inquietante perché quando lo sport viene utilizzato per finalità politiche non può che indignare e inquinare il gesto atletico di chi lo compie ed è grave, a nostro parere, che il FCI (che è parte del CONI) abbia organizzato un tale evento che è di chiara matrice politica.

Questo giro passerà anche nel territorio del comune di Torrile il 9 Settembre (nelle frazioni di Bezze Vicomero, Torrile).

Chiediamo che a dare il benvenuto a questi atleti che stanno sbagliando gara siano le bandiere tricolore, a ricordare a tutti che stanno pedalando sull’Italia  unita e indivisibile.

Invitiamo quindi ed esporre il tricolore al loro passaggio, augurando loro di poterli rivedere passare sulle nostre strade in altre competizioni che non siano al servizio di nessuna propaganda politica.

Torna su
ParmaToday è in caricamento