Alfieri: “Assemblea sulla legionella: le modalità del Sindaco saranno le stesse dell’altra volta?”

La prima assemblea pubblica sul tema legionella è stata il 6 ottobre alla scuola Don Milani: in piena emergenza si è risolta con un nulla di fatto

“Un Sindaco parla con i suoi cittadini. Non si può che esserne contenti. Ma quali saranno le modalità di quest’assemblea sulla legionella? Le medesime utilizzate nell’assemblea del 6 ottobre del 2016 quando disse la vita è pericolosa di suo ?” è questo che si chiede il candidato Sindaco Luigi Alfieri dopo l’annuncio di Federico Pizzarotti, ieri pomeriggio, in Consiglio Comunale. La prima assemblea pubblica sul tema legionella è stata il 6 ottobre alla scuola Don Milani: in piena emergenza si è risolta con un nulla di fatto. Molti intervenuti non hanno trovato posto in una sala che conteneva solamente 135 persone.

“Ben venga un nuovo confronto ma dovrà essere condotto con modalità diverse. Ero presente nella precedente assemblea e ricordo un primo cittadino indispettito dalle domande, frettoloso nelle risposte” sottolinea Alfieri. “Si tratta di un grave problema di salute pubblica: il Sindaco è il primo ad averne la responsabilità e tocca a lui rispondere e agire anche in termini preventivi. Inoltre il Sindaco non è un’entità altra che vive su un altro pianeta: è appunto il primo cittadino e deve avere a cuore ciò che accade a tutti gli altri cittadini e cittadine e rendere loro conto. Mi auguro che la prossima assemblea sia davvero un momento utile a dare risposte su un tema così importante e che ha avuto esiti così tragici. Ma questa assemblea cade in momento elettorale e questo renderà senz’altro il Sindaco più disponibile”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti