madri, difendete i vostri figli dai compagni violenti

Padri e compagni che uccidono i figli, il trend purtroppo è in crescita.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di ParmaToday

Alberto Prantera (Forza Civica) interviene sui recenti casi di violenza che vedono come vittime i figli. "Il caso della piccola Sara, vittima del compagno della madre è l'ennesima dimostrazione che ci sono ancora troppe donne che non fuggono da uomini violenti, non proteggono se stesse e i propri figli, non leggono segnali preliminari che c’erano stati e spesso estremamente chiari. Donne che accettano la compagnia di uomini violenti sviluppano nei loro confronti spesso relazioni di dipendenza. Perchè di questo si tratta, di amori malati - dichiara Prantera - è sbagliato pensare che questi compagni o padri di famiglia passino dall'amorevole quiete famigliare all'horror in pochi minuti, come se passasse un tornado di follia improvvisa nelle loro menti. Non si considera mai che, guarda caso, quella violenza ha come oggetto i più fragili, i deboli, le persone indifese e quindi le più esposte, i bambini. Uccidendo i figli questi mostri stanno cercando, in maniera perversa, di riottenere il controllo non soltanto sui bambini ma anche sulle loro mogli o compagne. Per questo motivo - conclude Prantera - mi sento di lanciare un appello alle donne, alle madri: un amore non può costare una vita, difendete voi stesse e i vostri figli, non siete sole!"

Torna su
ParmaToday è in caricamento