Pizzarotti indagato - Non parla ma scrive su Facebook: "Non entrerò nelle polemica dei botta e risposta"

Dopo la notizia dell'iscrizione nel registro degli indagati di Pizzarotti e dell'assessore Ferraris abbiamo incrociato il primo cittadino in piazza Garibaldi: 'Non ho nessun commento da fare sulla vicenda'

L'auto di Pizzarotti la mattina del 12 maggio davanti al Municipio

La mattina della notizia dell'iscrizione nel registro degli indagati del sindaco Federico Pizzarotti e dell'assessore alla Cultura Laura Ferraris, nell'ambito delle indagini coordinate dal Pm Amara sulle nomine di Barbara Minghetti e Anna Maria Meo ai vertici del Teatro Regio, davanti al Municipio di Parma l'atmosfera è immobile. Il sindaco Pizzarotti, prima delle 8.30 si trovava in piazza insieme al presidente del Consiglio Comunale Marco Vagnozzi e all'assessore Ferretti. "Stiamo andando a prendere un caffè, non rilasciamo dichiarazioni" queste le prime parole del sindaco che abbiamo raccolto. Poi l'attesa della fine del caffè e l'ingresso in Municipio. Nessuna dichiarazione è il leit motiv di questa giornata. Un altro esponente a 5 Stelle è stato iscritto nel registro degli indagati: questa volta si tratta proprio di quel sindaco venuto a 'salvare' Parma dalla malapolitica e dalla corruzione. Probabilmente dovremmo attendere un post su Facebook, ci aveva detto, come spesso accade per il sindaco a 5 Stelle, per sapere cosa ne pensa della vicenda. E infatti il post è poi arrivato. Eccolo 

Ecco il post di Pizzarotti alle ore 10.55 - Oggi sul quotidiano locale è uscita la notizia di una indagine nei miei confronti, e da lì su tutti i giornali nazionali. Era già emerso ci fossero indagini in corso, rispetto alla notizia di mesi fa che qui sotto vi riporto. Sono tranquillo, perché è un atto dovuto a seguito degli esposti del Partito Democratico. Sarà utile per chiarire la vicenda, con la Procura avremo il consueto atteggiamento collaborativo. Dico sin d'ora che non entrerò nella polemica politica dei botta e risposta, non utile a chiarire ma solo a confondere i cittadini e allontanarli dalla politica. Andiamo avanti, il mio impegno continua senza esitazione". 

NOTA STAMPA DEL SINDACO - “Sono tranquillo perché è un atto dovuto che rispetto pienamente. Era già emerso ci fossero indagini in corso in ragione degli esposti del senatore PD Pagliari. Sarà utile per chiarire la vicenda, con la Procura consueto atteggiamento collaborativo. Il mio impegno continua senza esitazione”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bedonia, precipita con l'auto nel Taro: muore 20enne

  • Tragico scontro frontale tra auto e furgone a Parola: muore un 37enne

  • Terrore a Fidenza: rogo a bordo dell'autobus pieno di studenti

  • Panico in via Newton, fiamme nella scuola: evacuati gli studenti

  • Tra mercatini di Natale, teatri, concerti e vin brulè: ricchissimo week end di dicembre

  • Blitz in casa di un commerciante 46enne: in cantina 23 chili di hashish nascosti tra le bottiglie di vino

Torna su
ParmaToday è in caricamento