Ponte Verdi: “L’on. Zanichelli si informi meglio, il cantiere è aperto”

Rossi risponde immediatamente all’on. del M5S: “La polemica è pretestuosa" 

La Provincia di Parma risponde immediatamente all’attacco dell’on. M5S Zanichelli, che le attribuisce la colpa di un supposto ritardo nei lavori di sistemazione del Ponte Verdi di Ragazzola – San Daniele Po.


“L’on. Zanichelli monta una polemica del tutto pretestuosa – contrattacca il Presidente della Provincia di Parma Diego Rossi – Va precisato che: 1. Il finanziamento non è stato messo a disposizione dal ministro Toninelli, ma dal governo precedente, a guida Gentiloni, col Decreto Del Rio. 2. Tutte le 6 Province destinatarie di questo finanziamento hanno chiesto una proroga, analogamente alla Provincia di Parma, per rispettare le complesse normative sugli appalti, che l’on Zanichelli in Parlamento può contribuire a snellire. La nostra, però, è l’unica Provincia ad aver aperto i cantieri, quello di Colorno – Casalmaggiore e del Ponte Verdi di Ragazzola.  3. Per il Ponte Verdi abbiamo fatto un progetto in due tempi, uno di 2,1 milioni di euro per l’apertura al traffico del ponte a doppio senso di marcia, fino a 44 tonnellate, quindi compresi gli autobus, di cui oltre un milione di euro della Provincia e un milione di euro della Regione Emilia – Romagna.

Quindi abbiamo addirittura anticipato con fondi provinciali e regionali, subito disponibili, il finanziamento nazionale, per iniziare i lavori del primo lotto il più presto possibile. L’altro progetto, per 6 milioni di euro per ulteriori lavori di consolidamento del ponte, è stato attivato non appena il finanziamento è stato disponibile. 4. Il contributo governativo non è a rischio, è già stato incassato al’80%. 5. La proroga è stata chiesta non per ritardi della Provincia, ma per esigenze tecniche e autorizzatorie. Infatti, in sede di gara la ditta vincente ha presentato un’offerta migliorativa relativamente ai materiali, che è stata accolta. Così, il ponte avrà una finitura protettiva di alcune delle travi con l’impiego di acciaio corten.

Si tratta di una modifica molto importante per le Province proprietarie dell’infrastruttura, perché permette di ridurre notevolmente la manutenzione del ponte, con notevoli risparmi futuri. Però il nuovo materiale è di diverso colore e ha richiesto una nuova autorizzazione paesaggistica, con il relativo tempo di attesa non preventivabile. Si è concordato con le competenti Soprintendenze di estendere l’utilizzo della stessa tipologia di acciaio a tutti e due gli interventi, per garantire l’uniformità paesaggistica del manufatto. 6. La richiesta di proroga è stata autorizzata dal Ministero. 7. Nel cantiere non c’è inerzia. Sono stati già posizionati i mezzi d’opera, l’intervento è iniziato, la fonderia sta predisponendo le parti in acciaio speciale. 8. Tutto questo risulta chiaramente dalla lettera del dott. Annoni citata dall’on. Zanichelli, che ha mutilato ad arte il testo, per sostenere la sua tesi.”

Potrebbe interessarti

  • Parma, tappa per BlaBlaBus: si viaggia in tutta Europa

  • Morso del ragno violino: cosa fare

  • Bere alcolici fa male: il vero sballo è dire no

  • Come pulire e igienizzarei bidoni della spazzatura

I più letti della settimana

  • Tragico schianto in moto contro l'ambulanza, il fidanzato muore: 27enne di Parma in prognosi riservata

  • Tragedia a Colorno: ciclista 54enne cade sull'Asolana e muore

  • Paura per due sorelle di 13 e 12 anni, escono di casa e non rientrano per la notte: trovate dalla polizia

  • Fidenza, consulente finanziaria accusata di irregolarità: blitz della Finanza

  • I banditi assaltano nella notte una villa di Sorbolo, bottino di migliaia di euro: rubate pistole e fucili

  • Schianto frontale a Felegara, tre donne ferite: 38enne gravissima

Torna su
ParmaToday è in caricamento