Caso Parma, il Tribunale dà ragione a Ghirardi: "Non sono stato io"

La sentenza assegna un punto all'ex presidente: "E ora basta associare il mio nome a quello di Manenti"

Tommaso Ghirardi - foto Ansa

Non è stato Tommaso Ghirardi a vendere il Parma a Giampietro Manenti. Lo stabilisce il Tribunale di Milano che, come scrive Il Giornale di Brescia, assegna un punto importante all'ex presidente crociato nella vicenda. A vendere il Parma a Manenti fu la Dastraso Holding del petroliere Rezart Taci che, a sua volta, aveva acquistato il Parma nel 2014 impegnandosi verso i venditori a versare quanto necessario per proseguire l'attività. Impegno che, come ha stabilito la sentenza - scrive il Giornale di Brescia - non è stato mantenuto in seguito. 

"Per me è una piccola soddisfazione perché il Tribunale ha fatto luce sul mio percorso. Voglio augurarmi quindi che da ora in avnti il mio nome non venga più accostato a quello di Manenti e soprattutto che sia chiaro a tutti come il sottoscritto abbia trattato solo con Taci: il Parma non è stato abbandonato nelle mani di Manenti dal sottoscritto e ora lo dice una sentenza". Così Tommaso Ghirardi a Il Giornale di Brescia commenta l'esito della sentenza. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico incidente a Castione Marchesi: muore un bimbo di tre anni

  • Aeroporto, gli industriali ci mettono 8.5 milioni di euro: ecco i nuovi voli

  • "La Pianura Padana è una camera a gas"

  • Morte del piccolo Aurelio: "Il quartiere è dilaniato dal dolore e si stringe intorno ai genitori"

  • Trova una ladra in camera da letto, la blocca e la fa arrestare: 26enne serba in carcere

  • Aeroporto, il presidente di Sogeap: "Ecco quali saranno le nuove tratte"

Torna su
ParmaToday è in caricamento