Crac Parma: Ghirardi e Leonardi chiedono il rito abbreviato e puntano allo sconto di pena

Marco Preti, ex direttore amministrativo, ha deciso di patteggiare

Hanno chiesto il rito abbreviato, insieme ad altre dodici persone, per ottenere - in caso di condanna - lo sconto di un terzo della pena. L'ex patron del Parma Calcio Tommaso Ghirardi e l'ex amministratore delegato Pietro Leonardi hanno scelto la strada che potrebbe portare ad una riduzione significativa della condanna per i reati che gli vengono contestati, dalla bancarotta fraudolenta aggravata alla bancarotta documentale, dalla truffa all'accesso abusivo al credito. Nuovo atto, ieri mattina 20 gennaio, del processo nei confronti di 23 persone per il crac del Parma Calcio, fallimento decretato cinque anni fa - esattamente il 19 marzo del 2015. Nel febbraio del 2019, poi, era arrivata la richiesta di rinvio a giudizio per i 23 imputati, tra i quali Leonardi e Ghirardi, insieme ad amministratori, sindaci e revisore. L'ex direttore amministrativo Marco Preti ha invece chiesto il patteggiamento: la pena sarà sotto i due anni, come prevede l'accordo che ha già raggiunto. La sentenza dovrebbe arrivare nel mese di aprile: nel corso delle prossime udienze infatti, dopo la richieste del Pubblico Ministero, verranno sentiti i testimoni della difesa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Basket in lutto: muore la 18enne Alessia Zambrelli

  • Violenta una bimba di 8 anni nel suo negozio: arrestato commerciante 37enne

  • Terrore in A1, auto si schianta e si incendia vicino al treno deragliato: muore una 21enne parmense

  • Schianto mortale in A1: arrestato il pirata della strada che ha travolto l'auto dei quattro giovani

  • "Furti nel parmense: attenti alla banda di ladri che gira a bordo di una Giulietta"

  • "Addio Alessia, che tu ora possa trovare la serenità"

Torna su
ParmaToday è in caricamento