Il Secolo XIX rilancia: "Americani interessati al Parma"

Secondo il quotidiano di Genova, Dinan e Knaster sarebbero pronti a presentare l'offerta per il club

Pietro Pizzarotti - foto parmacalcio1913.com

In mezzo alle polemiche scatenate dalla sconfitta immeritata contro la Lazio, con all'orizzonte lo scontro diretto con il Sassuolo, il Secolo XIX rilancia la notizia che da tempo sta cavalcando. Il gruppo Vialli, tanto per intenderci, sarebbe pronto a presentare un'offerta per rilevare le quote del Parma. Vialli una settimana fa è stato a Parma, ha presieduto l'apertura del MasterSport, corso leader nella formazione in sport management a livello nazionale e tra i più quotati prodotti della scena internazionale, senza rilasciare dichiarazioni sul tema, cavalcato dopo sette giorni dal Secolo XIX: "Secondo quanto filtra da ambienti bancari - scrive il quotidiano -, Dinan insieme al socio Knaster e con la regia di Zanetton (socio di Vialli in Tifosy) sarebbero pronti a presentare l'offerta per il Parma, che proprio recentemente ha "perso" l'azionista cinese, diventanto di fatto tutto italiano. Era il momento che aspettavano. L'offerta è di 40 milioni facendosi carico della situazione debitoria di altri 40". Se si riferisce alla situazione debitoria del Parma, quello che compare nel pezzo del Secolo XIX è una congettura sbagliata, perché il Parma la situazione di bilancio del Parma non presenta debiti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, primi due casi a Parma: un uomo e una donna ricoverati al Maggiore

  • Coronavirus, la situazione in Emilia-Romagna: "Chi ha dubbi chiami il 118, non vada al Pronto Soccorso"

  • Montechiarugolo e Lesignano: tamponi e isolamento domiciliare per i famigliari dei contagiati

  • Coronavirus, due nuovi casi a Parma: il bilancio si aggrava e sale a quattro

  • Coronavirus, è psicosi: supermercati presi d'assalto anche a Parma

  • Coronavirus: si cercano le persone a contatto con l'uomo di Lesignano la sera del ballo a Codogno

Torna su
ParmaToday è in caricamento