Intuizioni e vittorie in nome del Parma: i tre anni di Faggiano

La proprietà ripone molte speranze sul ds, gli ha affidato pieni poteri e l'ha blindato. Ma occhio alle big che già si muovono

Daniele Faggiano

L’aereo per Brindisi sarebbe partito senza di lui; Daniele Faggiano era già a bordo della sua auto e stava per raggiungere Parma, mentre il suo volo decollava dall’aeroporto di Verona. Era praticamente tutto fatto, a gran velocità, il diesse salentino stava per calarsi nel suo nuovo mondo senza neanche avere tempo di come sarebbe potuta cambiare la sua vita calcistica in quella che dopo poco sarebbe diventata la sua nuova casa. I primi contatti con la proprietà, che tre anni fa di questi tempi aveva deciso di decapitare la società facendo piazza pulita ai piani alti in seguito alla sconfitta interna con il Padova – in Lega Pro -, li aveva avuti tardi, ma per decidere l’uomo mercato aveva impiegato poco tempo, quello che probabilmente ci voleva per raggiungere la sua Puglia in aereo, da Verona. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schiantano in auto contro un tir in A1: muoiono una 24enne incinta e il suocero 76enne

  • "Rimborsi raddoppiati per gli interventi chirurgici", sequestro di oltre 1 milione di euro alle Piccole Figlie: denunciati direttore e dirigente medico

  • Più di mille giovani a Noceto per un rave in un capannone abbandonato

  • "Fascista di m... ti prendo a schiaffi": candidata della Lega aggredita e minacciata a Sissa

  • Bannone, pauroso frontale tra auto e furgone: tre feriti gravi

  • Fontanellato, operaio investito da un muletto: 59enne gravissimo al Maggiore

Torna su
ParmaToday è in caricamento