La Serie A vede la luce: via dal 13 o dal 20 giugno e il Parma potrebbe alleggerire il ritiro

Resteranno obbligatori i servizi di colazione e pranzo, rigorosamente cucinati da fuori e portati a Collecchio nella più totale sicurezza e nel rispetto delle normative vigenti

“Ho convocato una riunione per il 28 maggio alle 15.00 con Gravina, Dal Pino e le componenti di Federazione. Giovedì prossimo avremo i dati a disposizione per poter col Governo decidere se e quando ripartirà il campionato. Il 28 maggio è la data entro quando decideremo”. Il ministro dello Sport Vincenzo Spadafora ha preso ancora un po’ di tempo, vuole vederci chiaro e monitorare con attenzione la curva del contagio. Ma questa volta la notizia c’è: ed è che anche il calcio riparte e proverà a portare a termine la stagione. Due le date fissate per la ripresa: quella del 13 giugno (da domani il Comitato Tecnico Scientifico ha dato il via agli allenamenti collettivi, mediante un nuovo protocollo) o al più tardi il 20 di giugno. Una sterzata decisa, data dal Governo in seguito a un attento monitoraggio della curva epidemica tenuta – si spera – sotto controllo. Ci sarebbe addirittura un piano B battezzato da Gabriele Gravina, il presidente della Figc: i play off, la soluzione estrema per chiudere tutto nel più breve tempo possibile. E intanto il Parma, che anche oggi ha continuato ad allenarsi a Collecchio svolgendo per lo più test fisici e atletici, ha messo nel mirino le nuove date e si adeguerà al nuovo protocollo approvato dagli scienziati del Governo. Il club accoglie il passo avanti del CTS, dopo che a farne uno, il primo, era stato proprio il Parma spingendo il gruppo squadra in ritiro. Soluzione parteggiata anche da tanti calciatori, che hanno avuto l’opportunità di gestirsi in totale sicurezza e sotto gli occhi monitoranti dello staff tecnico. Un ritiro che potrebbe alleggerirsi dopo la pubblicazione del protocollo rendendo facoltativo il pernottamento. Resteranno obbligatori i servizi di colazione e pranzo, rigorosamente cucinati da fuori e portati a Collecchio nella più totale sicurezza e nel rispetto delle normative vigenti. Molti dei tesserati potranno continuare a utilizzare le stanze allestite nella più totale autonomia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Pilastrello, auto esce di strada: muore il conducente 51enne

  • Maestra parmigiana litiga su Twitter con un fumettista: poi si incontrano e lo sposa

  • Dal 3 giugno via libera agli spostamenti da Parma nelle altre regioni

  • Fase 2: ecco cosa si potrà fare (e cosa no) dal 3 giugno

  • Coronavirus: a Parma un morto e 4 nuovi casi

  • Emergenza Covid-19, 100 carabinieri contagiati: un militare di Noceto è deceduto

Torna su
ParmaToday è in caricamento